Il truck di Pizzaut al San Gerardo di Monza

Il truck di PizzAut è atteso a Monza per venerdì 15 gennaio alle ore 13.00. Le gustose “pizze speciali”, sfornate da uno staff composto da persone autistiche, saranno offerte...

439 0
439 0

Il truck di PizzAut è atteso a Monza per venerdì 15 gennaio alle ore 13.00. Le gustose “pizze speciali”, sfornate da uno staff composto da persone autistiche, saranno offerte ai sanitari dell’Ospedale San Gerardo, in segno di gratitudine verso uno degli avamposti del territorio nella quotidiana lotta contro il virus, impegnato nelle ultime settimane anche nella campagna vaccinale.

Il PizzAutobus, attrezzato con il forno e tutti gli ingredienti necessari, sostituisce in questo momento l’attività della nuova pizzeria la cui sede è pronta ma ancora da inaugurare a causa delle restrizioni introdotte per la pandemia.

Ad accogliere Nico Acampora e il truck delle pizze e ad accompagnare i ragazzi nella consegna dei pasti ai sanitari ci saranno il Direttore Generale dell’ASST di Monza Mario Alparone e il Sindaco Dario Allevi.

“Sono certo che nutrire l’inclusione sarà come sempre un momento coinvolgente e ricco di emozioni” – anticipa il Sindaco Dario Allevi.

“Il messaggio che oggi PizzAut ci consegna è di fondamentale importanza– aggiunge il Direttore Generale della ASST MONZA Mario Alparone – e sottolinea almeno tre aspetti, quello dell’inclusione, quello della solidarietà agli operatori sanitari ed in questo momento anche di sostegno all’importanza della campagna vaccinale anti – covid su cui ci stiamo particolarmente impegnando”.

 “Per i ragazzi di PizzAut e per noi genitori è una grande emozione essere al San Gerardo e poter ringraziare il personale sanitario impegnato nella lotta al Covid, lo faremo nel modo che più ci appartiene attraverso il calore, l’amore e la bontà delle nostre pizze. PizzAut ha un legame molto particolare con l’ospedale monzese, in terapia intensiva cardio chirurgica lavora Stefania la mamma di Leo, il bimbo autistico da cui è nato il progetto PizzAut oltre ad i genitori di Alessandro uno dei pizzaioli del progetto” – dichiara Nico Acampora fondatore del progetto – “Vogliamo sostenere anche la campagna vaccinale, noi cerchiamo di contrastare il virus dell’ignoranza e del pregiudizio nei confronti dell’autismo…il personale del San Gerardo è impegnato a vaccinare contro il virus del Covid … in qualche modo siamo colleghi”, aggiunge Nico scherzando.

Foto da Facebook

Condividi

Join the Conversation