Monza Calcio, tre motivi per gioire

di Cristiano Comelli – Chiamatele, se volete, “tre sfumature di Monza”. Non grigie ma assolutamente di un colore vivo, sgargiante. La prima ad accomodarsi sul palco per farsi...

256 0
256 0

di Cristiano Comelli – Chiamatele, se volete, “tre sfumature di Monza”. Non grigie ma assolutamente di un colore vivo, sgargiante. La prima ad accomodarsi sul palco per farsi apprezzare come merita è il buon approccio avuto verso una serie A che rappresentava una novità assoluta.

Raffaele Palladino, subentrato al posto dell’esonerato Giovanni Stroppa, risultati alla mano, ha saputo infondere la giusta motivazione alla squadra tale per cui l’ultimo posto si è tramutato in un battito di ciglia o poco più nel quattordicesimo con 16 punti e sei squadre alle spalle (quindi, a oggi, salvezza tranquilla).

E ciò senza voler dimenticare che Stroppa è pur sempre il primo tecnico ad avere fatto assaggiare ai biancorossi la massima serie. Il morale in vista della riapertura del campionato del 4 gennaio all'”Artemio Franchi” contro la Fiorentina è quindi a mille. E all’ombra dell’Arengario si comprende come quella sul palcoscenico principale della gerarchia calcistica tricolore possa non essere qualcosa di fugace ma una pianta destinata a mettere radici solide. Fine del primo motivo di giubilo.

Ma Adriano Galliani e Matteo Pessina hanno un ulteriore motivo al di là di questo per intonare il gaudemus. L’amministratore delegato ha infatti ricevuto i giorni scorsi l’Executive Career Award che è stato assegnato a Dubai. Pessina, invece, ha portato i colori del Monza nella nazionale maggiore azzurra nella sfida pur persa per 0-2 contro l’Austria nell’amichevole di domenica sera. Il club biancorosso ha giustamente celebrato l’evento parlando di “un momento storico”.

In un’intervista rilasciata tempo fa ebbe a dire: “ho fatto il liceo scientifico, quindi tanta matematica e geometria, sono materie che ti aprono la mente, acquisisci prontezza di pensiero”.

Idee chiare che sicuramente ha portato anche sul rettangolo verde dove la sua apertura di pensiero tattica è tra i valori aggiunti della squadra brianzola. E con una mente aperta… verso una salvezza senza patemi.

Photocredits

Condividi

Join the Conversation