Tritium in Eccellenza, voglia di risalire al più presto

TREZZO SULL’ADDA – La delusione c’è e brucia parecchio. Ma la sua parola d’ordine è chiara: non perdersi d’animo e darsi da fare da subito per risalire. Marco...

196 0
196 0

TREZZO SULL’ADDA – La delusione c’è e brucia parecchio. Ma la sua parola d’ordine è chiara: non perdersi d’animo e darsi da fare da subito per risalire. Marco Foglia, presidente della Tritium appena retrocessa in Eccellenza nonostante il rotondo 5-1 con cui si è imposta sul terreno del Mezzolara, non ha dubbi.

“Ormai siamo giunti al capolinea di una stagione che ci ha visto lottare fino all’ultima giornata per provare a riuscire a salvare la categoria – ha esordito – purtroppo l’esito è noto a tutti e adesso bisognerà soltanto ritrovare le giuste forze e le motivazioni per ripartire, programmare per tempo e con maggiore serenità sicuramente potrà essere un elemento dalla nostra parte”. Foglia spiega che a Trezzo ha potuto lavorare bene legandosi a questa piazza calcistica anche di un rapporto affettivo. Ed esprime amarezza per la decisione del direttore sportivo Vito Cera di farsi da parte e di non proseguire l’avventura in biancoceleste per la prossima stagione: “ho preso atto delle sue dimissioni – afferma – e capito le sue motivazioni”. Ma nella disamina di Foglia il dispiacere per la retrocessione lascia subito strada alla voglia di riscatto.

“Siamo pronti a reagire immediatamente – prosegue Foglia – e stiamo già provando a mettere sul tavolo le migliori ipotesi per affrontare al meglio e ad protagonisti il prossimo campionato di Ecellenza per provare immediatamente a riportare la squadra in serie D”.

Vi è però anche un’altra benzina preziosa che Foglia ha inteso mettere nel suo serbatoio motivazionale: “la cosa che più mi motiva ad andare avanti – aggiunge- è l’affetto e il calore che mi fanno sentire le persone e i tifosi che orbitano intorno alla Tritium quando le incontro allo stadio e in città, respirare queste sensazioni mi dà la carica per ripartire con tanta forza”. (articolo di Cristiano Comelli) 

Photocredits

Condividi

Join the Conversation