Esordio amaro per il Monza sconfitto in casa dal Toro

di Cristiano Comelli  – Molta determinazione ma un esordio amaro. Il Monza, all’U Power, alla sua prima in serie A paga dazio perdendo per 1-2 contro il Torino....

637 1
637 1

di Cristiano Comelli  – Molta determinazione ma un esordio amaro. Il Monza, all’U Power, alla sua prima in serie A paga dazio perdendo per 1-2 contro il Torino. Dopo un primo tempo in cui le squadre si sono equivalse, nella ripresa i granata hanno preso le redini della gara imprimendo l’accelerazione decisiva.

PRIMO TEMPO – Il Monza prova subito a graffiare al 2′ con l’ex Napoli Petagna ma la sfera termina a lato. Al 4′ il Torino replica con il paraguayano Sanabria che impegna Di Gregorio. Il batti e ribatti prosegue al minuto 17 con Barberis che, dal limite, impegna Vanja. Tre minuti dopo è Ranocchia a provare a fare la festa al portiere ospite ma senza risultati apprezzabili. Il Torino si riaffaccia dalle parti di Di Gregorio al 27′ con Radonjic, l’estremo difensore monzese, però, non si lascia sorprendere. Al 34′ è Ranocchia, su opposto versante, a sparare a lato. Al 42′ il Torino spezza l’equilibrio con Miranchuk che riceve palla da un tonico Sanabria e infila Di Gregorio. Il Monza prova l’immediata reazione con Caprari ma il tiro termina alto. La prima frazione va quindi in equilibrio con i granata avanti per 1-0 ma con una partita che scorre sui binari dell’equilibrio.

SECONDO TEMPO – Il Monza sfodera determinazione intenzionato come è a esordire nel modo migliore in massima serie e per di più davanti al proprio pubblico, Ranocchia però calcia alto all’8′. Al 21′ il Torino allunga con Sanabria , bravo a sfruttare un invito di Ricci. Il Monza non sembra accusare il colpo e prova a riportarsi in gara con D’Alessandro al 36′ e Birindelli tre minuti dopo, in ambedue i casi, però, gli esiti non sono apprezzabili. Al 43′ Radonjic potrebbe regalare ai granata il 3-0 ma calcia alto. Il Monza trova almeno la platonica consolazione del 2-1 con l’ex Juventus under 23 Mota Carvalho che, sfruttando una incertezza della difesa granata, insacca.

FORMAZIONI

MONZA: Di Gregorio , Marlon, Birindelli, Pablo Marì, D’Alessandro, Ranocchia F. (18’s.t: Ciurria), Barberis, Valoti (31’s.t: Sensi), Carlos Augusto (18’s.t: Mota Carvalho), Caprari (18’s.t: Carboni), Petagna (31’s.t:Gytkjaer) . A disposizione: Cragno, Sorrentino, Caldirola, Ranocchia A., Antov, Colpani, Marrone, Bondo, Molina, Vignato. All.Giovanni Stroppa.

TORINO: Milinkovic-Savic, Djidji, Adopo (25’s.t: Segre), Rodriguez, Singo (34’s.t: Lazaro), Linetty, Ricci (44’s.t: Ilkhan), Aina, Miranchuk, Radonjic, Sanabria. A disposizione: Berisha, Gemello, Bayeye, Pellegric, Vlasic, Wade, Garbett. All.Ivan Juric.

Arbitro: Massimo Mariani di Aprilia.
Marcatori: p.t: 44′ MIranchuk (T). S.t: 21′ Sanabria (T), 44 Mota Carvalho (M)

POSTGARA

GIOVANNI STROPPA (ALL.MONZA): “Devo dire che pensavo che avremmo sofferto un po’ di più, la squadra ha retto l’urto, ha giocato con personalità, poi è chiaro che in una partita ci sono anche gli episodi, il Torino ha dimostrato di essere più avanti di noi. Dobbiamo lavorare, questa è una squadra che si sta costruendo, vi è la volontà di assemblarla in modo ottimale il più presto possibile”.

Photocredits

Condividi

Join the Conversation