Al Seregno il derby di Coppa contro il Renate

di Cristiano Comelli – Lacrime per il Renate, sorrisi per il Seregno. L’attesissimo derby tutto brianzolo del primo turno di “Coppa Italia” al “Città di Meda” si risolve con...

507 0
507 0

di Cristiano Comelli – Lacrime per il Renate, sorrisi per il Seregno. L’attesissimo derby tutto brianzolo del primo turno di “Coppa Italia” al “Città di Meda” si risolve con un 3-1 a favore degli Spartans che hanno dimostrato una notevole solidità, elemento certamente confortante in vista degli impegni di campionato in quella Lega Pro in cui è ritornato dopo parecchi anni di assenza.

Il Renate, dal canto suo, è apparso ancora un po’ in ritardo di condizione. L’occasione della rivincita tra nerazzurri e Spartans non tarderà ad arrivare perché le due compagini sono state inserite nello stesso girone di campionato ovvero il gruppo A.

I nerazzurri partono meglio e al 7′ pervengono al vantaggio con Possenti sugli sviluppi di un corner dalla destra. Al 14′, sempre sugli sviluppi di un corner, il Seregno ottiene il pareggio con un’incornata di Cernigoi.

Quest’ultimo, su assist dalla sinistra, si ripete al minuto 38 portando gli ospiti in orbita. Gli Spartans completano l’opera al 20′ della ripresa con Scognamiglio che irrompe su punizione e infligge a Crespi il terzo dispiacere.

Adesso il 15 settembre gli Spartans se la dovranno vedere con il Trento in orario ancora da stabilire.

POSTGARA

FRANCESCO PARRAVICINI (ALLENATORE RENATE): “E’ stata una prestazione molto negativa, inutile girarci attorno, in questo momento della stagione può anche far bene una batosta per crescere e diventare squadra, possiamo e dobbiamo fare tutti molto di più a partire da lunedì quando prepareremo la settimana che porta all’esordio con il Padova”.

ALBERTO MARIANI (ALLENATORE SEREGNO): “Il risultato era quello che cercavamo, lo abbiamo voluto a tutti i costi ma dobbiamo migliorare sulle palle involontarie, non possiamo permetterci distrazioni, lavoriamo tutti i giorni per non lasciare un centimetro in mezzo al campo ma in questa partita lo abbiamo lasciato in troppe occasioni, dobbiamo migliorare tanto come attenzione, come attenzioni e lettura di situazioni”.

foto da Facebook

Condividi

Join the Conversation