Seregno, arrestato 50enne per tentato omicidio

Ieri pomeriggio due carabinieri della compagnia di Seregno (MB) sono intervenuti liberi dal servizio e hanno arrestato in flagranza per tentato omicidio, porto di armi od oggetti atti ad...

326 0
326 0

Ieri pomeriggio due carabinieri della compagnia di Seregno (MB) sono intervenuti liberi dal servizio e hanno arrestato in flagranza per tentato omicidio, porto di armi od oggetti atti ad offendere, evasione e resistenza a un pubblico ufficiale un 50enne seregnese, con svariati precedenti per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di stupefacenti, sottoposto agli arresti domiciliari.

L’uomo attorno alle 15 aveva aggredito con un coltello un 49enne, anch’egli seregnese con svariati precedenti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti, sferrandogli due fendenti di cui uno al braccio destro e uno alla gola.

Contestualmente è stato altresì arrestato per resistenza a un pubblico ufficiale e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere un 41enne – anch’egli seregnese e con svariati precedenti per reati contro il patrimonio e in materie di stupefacenti –, amico dell’aggressore.

Nella circostanza, uno dei carabinieri libero dal servizio e in abiti civili, transitando per le strade del quartiere Lazzaretto di Seregno, notando il 50enne che, armato di coltello stava aggredendo un altro soggetto successivamente identificato in un 49enne brianzolo, anch’egli pregiudicato per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti, è intervenuto disarmandolo mentre stava sferrando dei fendenti e interrompendo in tal modo il suo intento omicida.

A sostegno del 50enne è quindi giunto il 41enne, anch’egli armato di coltello, che unitamente al primo, ha aggredito verbalmente e fisicamente il militare.

Poco dopo, un altro militare, sempre del radiomobile di Seregno, anch’egli libero dal servizio, ha raggiunto il luogo dell’evento e, realizzato quanto stava accadendo, è intervenuto immobilizzando il 50enne mentre l’altro aggressore ha desistito volontariamente dall’azione gettando a terra il coltello che aveva in mano.

Sul posto sono poi intervenute in supporto quattro gazzelle della compagnia, e i soccorsi sanitari del “118” che hanno trasportato la vittima – codice giallo – al pronto soccorso dell’ospedale di Desio (MB) dov’è stata medicata e dimessa sette giorni di prognosi per le ferite da taglio riportate.

Portati in caserma per gli accertamenti del caso, il 50enne e il 49enne sono stati posti in stato di arresto e, su disposizione del pubblico ministero di turno, trasferiti presso la Casa circondariale di Monza. Nei giorni a seguire la Procura della Repubblica di Monza ne chiederà la convalida.

Condividi

Join the Conversation