Villasanta, cani abbandonati salvati dall’Enpa

VILLASANTA – Il nucleo Antimaltrattamento dell’ENPA di Monza non si è fermato nemmeno nel mese di agosto: sono state numerosissime le segnalazioni e altrettanto numerosi i sopralluoghi. Come quello...

703 0
703 0

VILLASANTA – Il nucleo Antimaltrattamento dell’ENPA di Monza non si è fermato nemmeno nel mese di agosto: sono state numerosissime le segnalazioni e altrettanto numerosi i sopralluoghi. Come quello eseguito a Villasanta (MB), su segnalazione di alcuni privati cittadini residenti in un condominio del comune alle porte di Monza che lamentavano da diverso tempo il continuo abbaio di due cani senza mai vederli uscire. Notavano invece la presenza della proprietaria che si recava da loro per pochi minuti al giorno nell’appartamento da cui proveniva un nauseabondo odore di urina e feci.

Pessime condizioni igieniche-sanitarie
Appena giunti sul posto è stato subito evidente per i due volontari ENPA che le condizioni igieniche sanitarie erano gravemente compromesse: l’odore di urina e feci era percettibile già da fuori dall’appartamento.
La proprietaria, trovata sul posto, ha acconsentito, seppur titubante, a far accedere alla casa i volontari che si sono trovati di fronte a un appartamento ridotto a discarica, completamente cosparso di feci e urina dei cani e di molti altri oggetti accatastati e accumulati.
La signora ha dichiarato che i cani non erano suoi ma del suo ex genero, che li aveva praticamente abbandonati a lei che però non riusciva assolutamente a gestirli anche perché da tempo si era trasferita dalla madre anziana recandosi in quella casa solo per dar loro da mangiare.

Sporchi e sottopeso i cani
I cani apparivano ben socializzati ma completamente sporchi, sottopeso e con unghie lunghissime a causa delle mancate uscite all’aria aperta da diversi mesi. Inoltre non erano vaccinati, non avevano libretto sanitario e solo uno dei due era identificato con microchip.
Costatata la pessima condizione di detenzione e le gravi violazioni, i cani sono stati immediatamente allontanati da quel luogo di prigionia e portati al canile di Monza. Successivamente la situazione della proprietaria è stata segnalata al corpo di Polizia Locale e ai servizi sociali per opportune verifiche e future azioni di ispezione dell’immobile.

Slim e Shady cercano casa
I due animali sono stati ceduti definitivamente a ENPA per agevolare un affido a nuove famiglie. In canile sono stati chiamati Slim e Shady, come la celebre canzone di Eminem. Shady, il più piccolo, è un meticcio di taglia medio-piccola di 5 anni mentre Slim è un incrocio maremmano di un anno.
Al loro arrivo nella struttura di via San Damiano 21 è subito iniziato il lavoro degli educatori cinofili ENPA per riabituare i due cani a regolari passeggiate. Inoltre, per combattere le scorrette abitudini alimentari, i due cani vengono nutriti con quattro piccoli pasti al giorno per riabituarli a mangiare normalmente, dal momento che tendevano a gettarsi sul cibo in modo famelico senza nemmeno masticare.
Per info sull’eventuale adozione, scrivere a canile@enpamonza.it

Condividi

Join the Conversation