Tris di vittorie, il Monza batte anche lo Spezia

di Cristiano Comelli – E fanno tre. Dopo avere steso Juventus e Sampdoria, il Monza regala lacrime anche allo Spezia e cala il tris. E in più la...

577 0
577 0

di Cristiano Comelli – E fanno tre. Dopo avere steso Juventus e Sampdoria, il Monza regala lacrime anche allo Spezia e cala il tris. E in più la gioiosa macchina da gol e punti confezionata da Raffaele Palladino fa salire a tre anche le giornate senza avere subito reti.

Prova d’autore dei biancorossi che hanno affrontato i liguri con la stessa determinazione messa come ali ai piedi dei primi due incontri e condotto una gara ordinata in costante controllo del gioco. La classifica dice ora dodicesimo posto con dieci punti e prospettive di campionato decisamente interessanti.

PRIMO TEMPO – Al 4′ è ravvisato un fallo di mano di Rovella, il direttore di gara, Perenzoni di Rovereto, si affida al Var che però stabilisce non vi siano le condizioni per assegnare allo Spezia la massima punizione. Al 15′ i liguri ci provano con Nzola che scambia con Gyasi ma spara altissimo. Un minuto dopo il Monza risponde con l’ex Pordenone Ciurria che, dal limite, dà lavoro a Dragowski. E’ il preludio del gol del vantaggio biancorosso che giunge al 32′ con Carlos Augusto, bravo a raccogliere un assist di Pessina, entrare in area e superare il portiere ospite. Al 36′ lo Spezia sfiora il pareggio con una punizione di Bourabia che finisce alta. Al 40′ Carlos Augusto prova a regalarsi la doppietta ma il suo tiro è neutralizzato da Dragowski in due tempi.

SECONDO TEMPO – All’8′ lo Spezia ci prova con Nikolaou di testa ma Di Gregorio è attento. Un minuto dopo, su opposto fronte, Caprari non riesce a infilzare la porta spezzina con un tiro dal limite. Al 18′ arriva il raddoppio monzese con Pablo Marì che si fa trovare perfettamente appostato su corner di Barberis e infila nuovamente Dragowski. Al 27′ lo Spezia cerca di rimettersi in partita con Maldini ma Di Gregorio respinge in tuffo il suo velenoso tiro. Al 32′ è Caldirola a negare al tiro di Gyasi di finire pericolosamente dalle parti di Di Gregorio. L’ultimo sussulto della gara è di marca ospite con Ekdal che, al 47′, con un destro a giro, non consente allo Spezia neppure di segnare il gol della bandiera. Monza ancora una volta sugli scudi.

TABELLINO

MONZA: DI Gregorio, Izzo, Pablo Marì, Caldirola, Ciurria (29’s.t: Birindelli), Rovella (39’s.t: Ranocchia), Sensi (11’s.t: Mota Carvalho), Carlos Augusto, Pessina, Caprari (11’s.t: Barberis), Gytkjaer (30’s.t: D’Alessandro). A disposizione: Cragno, Sorrentino, Donati, Marlon Santos, Machin, Valoti, Colpani, Bondo, Vignato, Carboni. All.Raffaele Palladino.

SPEZIA: Dragowski, Ampadu, Kiwior, Nikolaou (23’s.t: Verde), Holm (23’s.t: Amian), Bourabia (35’s.t: Ellertsson), Kovalenko (14’s.t: Maldini), Bastoni, Agudelo (14’s.t: Ekdal), Gyasi, Nzola. A disposizione: Zoet, Zovko, Ferrer, Caldara, Sher, Beck, Ngouiamba, Strelec, Sanca. All.Luca Gotti.

ARBITRO; Daniele Perenzoni di Rovereto.

Photocredits

Condividi

Join the Conversation