Sbanda la difesa, Vis Nova sconfitta da Desenzano

di Cristiano Comelli – Prima sotto, poi in parità, infine a picco. La Vis Nova Giussano non riesce a bissare la vittoria ottenuta sul terreno della Real Calepina e,...

214 0
214 0

di Cristiano Comelli – Prima sotto, poi in parità, infine a picco. La Vis Nova Giussano non riesce a bissare la vittoria ottenuta sul terreno della Real Calepina e, allo “Stefano Borgonovo”, incappa in una sconfitta color ingenuità contro i bresciani della Desenzano Calvina per 2-1.

Le lucertole hanno subito la rete della sconfitta definitiva su una grande ingenuità difensiva di Cazzaniga che si è lasciato soffiare la sfera da Recino consentendogli così di involarsi verso la porta e di trovare la soluzione vincente. Peccato per la compagine di Agostino Mastrolonardo che aveva comunque sfoderato una discreta prestazione. L’incremento del bottino di classifica per cercare di mettere la salvezza in cassaforte è quindi rimandato. Le lucertole restano al quattordicesimo posto con 28 punti dopo la quarta sconfitta di fila sul campo amico.

PRIMO TEMPO – Al 4′ le lucertole provano a proporre un tema con Valtulina il cui calcio di punizione non è però raccolto da alcuno. All’ 8′ Mauri effettua per gli ospiti un passaggio filtrante senza pretese. Al 18′ Desenzano Calvina ancora temibile con Mauri il cui tiro termina però a lato. Al 28′ i bresciani passano in vantaggio con merito, passaggio filtrante di Crema per Recino che anticipa Ragone e infila la porta giussanese.

SECONDO TEMPO – Al 5′ i bresciani cercano di prendere il largo ma un calcio di punizione termina direttamente sul fondo. Su opposto fronte la Vis Nova trova il pareggio per merito di Fall che, di testa, raccoglie un bel cross dalla destra di Cazzaniga e infila il portiere ospite Sellitto. Tutto finito? Neppure per sogno, al 19′ Cazzaniga commette un brutto errore in fase di disimpegno e spalanca la strada a Recino che si invola in contropiede e trafigge Ragone per il 2-1 ospite.

Al 25′ Mauri prova a colpire su punizione ma conclude alto. Al 46′ Recino potrebbe far dilagare i suoi e garantirsi la tripletta personale ma, servito dalla sinistra, spara su Ragone.

Foto da Facebook

Condividi

Join the Conversation