Reti inviolate tra Seregno e Fiorenzuola

di Cristiano Comelli – La determinazione e le occasioni non gli sono mancate. Alla fine, però, il Seregno si è dovuto accontentare di uno 0-0 contro il Fiorenzuola. Gli...

374 0
374 0

di Cristiano Comelli – La determinazione e le occasioni non gli sono mancate. Alla fine, però, il Seregno si è dovuto accontentare di uno 0-0 contro il Fiorenzuola.

Gli Spartans portano così a cinque le giornate senza posta piena e restano appaiati agli emiliani al quattordicesimo posto in classifica con 24 punti. Il punteggio, per vero, penalizza un po’ la squadra di Alberto Mariani che è parsa più propositiva in fase offensiva.

PRIMO TEMPO – Si comincia all’insegna dell’emozione con il ricordo da parte del Seregno di Ferruccio Busini, uno dei suoi ex patroni appena scomparso. Gli Spartans provano a graffiare già al 14′ con una punizione di Jimenez che la barriera devia però sul fondo. Un minuto dopo ci prova Cernigoi ma il suo colpo di testa termina alto.

La squadra di Mariani tiene con decisione l’iniziativa e al 27′ Cernigoi ritenta ma con un tiro sbilenco che non impensierisce il portiere ospite Battaiola. Più degna di nota è una sua punizione che, cinque minuti dopo, termina alta di poco. Al 33′ gli emiliani creano l’unica loro occasione della prima frazione con Zunno il cui diagonale non ha però la mira incorporata.

SECONDO TEMPO – Al 4′ il Fiorenzuola si rende temibile con Mamona Blue ma Tozzo fa buona guardia. Un minuto dopo il Seregno rischia l’autorete con una deviazione pericolosa di Borghese verso la propria porta su punizione di Palmieri.

Il Fiorenzuola mostra di essere entrato in campo con diverso spirito rispetto alla prima frazione pungendo ancora al 17′ con il suo nuovo acquisto Zunno, la sfera termina però a lato. Al 31′ arriva l’occasione più pericolosa della gara da parte ospite con Mastroianni che, con una conclusione a giro, colpisce il palo. Al 45′ il Seregno risponde con Gemignani ma Battaiola respinge. Gli Spartans si preparano ora ad affrontare martedì 1 febbraio l’ambiziosa Feralpi Salò.

Photocredits

Condividi

Join the Conversation