Promozione in C: è festa Seregno

di Cristiano Comelli – Si sono ritrovati tutti al “Ferruccio”. E per intonare un coro compatto: caro Seregno, bentornato in serie C. Ovvero su un palcoscenico che gli...

451 0
451 0

di Cristiano Comelli – Si sono ritrovati tutti al “Ferruccio”. E per intonare un coro compatto: caro Seregno, bentornato in serie C. Ovvero su un palcoscenico che gli Spartans non calcavano dalla stagione 1981-82, quindi da circa trent’anni, quando, giungendo diciassettesimi nel loro girone di C2, retrocessero nell’Interregionale.

Ma quel giorno è un ricordo lontano. Adesso gli Spartans sono ritornati nel calcio professionistico con l’intenzione ferma di restarci. A mettere il sigillo definitivo e rendere vana la rincorsa del Fanfulla, secondo e del resto anche capace di farsi male da solo perdendo per 0-2 in casa con il Caravaggio, è stato il pareggio per 2-2 sul terreno della Casatese, già battuta all’andata a Seregno.

Una vittoria più forte di ogni insidia da Covid che si è abbattuta sul campionato. E una vittoria di un’intera città che, per la squadra, ha sempre nutrito un affetto granitico e ora è pronta a farle compagnia in modo se possibile maggiore anche nel ritorno in terza serie.

E nelle parole del presidente Davide Erba così come di uno dei bomber, ovvero Giovanni Ricciardo, peraltro alla sua quinta promozione negli ultimi sei anni, rilasciate ai microfoni della società a fine gara la soddisfazione si respira appieno.

“C’è enorme soddisfazione – ha commentato Erba – grazie davvero anche a tutti i tifosi che ci hanno sostenuto, è stata un’annata davvero difficile e sono contento che siamo riusciti a realizzare quanto ci eravamo prefissati”. Ricciardo, dal canto suo, sottolinea: “è stato un anno difficile per via del Covid ma abbiamo fatto molti sacrifici e siamo tanto felici per quanto abbiamo ottenuto, è la mia quinta promozione nelle ultime sei stagioni ma ognuna ha un sapore diverso”.

Foto da Facebook

Condividi

Join the Conversation