Monza che impresa! Batte l’Udinese e vola agli ottavi di Coppa Italia

di Cristiano Comelli – Vittoria? Certo. Grande vittoria? Ancora di più. Impresa? Fuoco. La vittoria del Monza in casa dell’Udinese sesto in classifica e rivelazione del campionato per...

539 0
539 0

di Cristiano Comelli – Vittoria? Certo. Grande vittoria? Ancora di più. Impresa? Fuoco. La vittoria del Monza in casa dell’Udinese sesto in classifica e rivelazione del campionato per 3-2 alla “Dacia Arena” è di quelle che resteranno nella cineteca della compagine di Raffaele Palladino.

D’Alessandro e compagni sono scesi in campo con umiltà e determinazione e, soprattutto, con la capacità di lasciarsi alle spalle l’amarezza della non meritata sconfitta di Empoli e hanno staccato il biglietto per gli ottavi di finale della competizione.

Una qualificazione di prestigio che mette i biancorossi nelle condizioni migliori per preparare la sfida tutt’altro che semplice nella tana del Milan al “Meazza” in un derby che, già di scena diverse stagioni fa in cadetteria, si ripropone ora su ben altro e più nobile palcoscenico.

Il Monza, dopo la sconfitta in terra di Toscana, doveva battere un colpo e l’ha battuto. Ed è un colpo che ne vale due. Perchè va anche a riscattare la sconfitta subita dai bianconeri al “V Power” per 1-2 in campionato.

PRIMO TEMPO – Che i ragazzi di Palladino non siano scesi in terra friulana con la voglia di fare da vittima sacrificale lo si capisce già al 7′ con Machin che, su cross di D’Alessandro, conclude malamente ma dimostra la vitalità della squadra brianzola. Al 15′ è sempre l’ex Brescia a stare per colpire ma Padelli gli toglie la sfera dai piedi all’ultimo. sulla susseguente azione Rovella costringe Nuythinck a una non facile respinta per evitare che la palla finisca in rete. Al 20′ si vede l’Udinese con Jajalo ma Cragno è attento.

Cinque minuti dopo l’Udinese potrebbe beneficiare di un rigore per un fallo di Birindelli su Beto in scivolata. Inizialmente il direttore di gara è propenso a concederlo ma, nel dubbio, chiede lumi al Var che stabilisce l’intervento essere avvenuto fuori dall’area e non ne conferma l’orientamento. Al 32′ i friulani ci provano con Arslan ma il suo tiro a giro non inquadra lo specchio della porta. Non migliore sorte ha una rovesciata di Ehizibue al 37′. Al 45′ il Monza spezza l’equilibrio a suo favore con Valoti che, da venticinque metri, dopo avere ricevuto da Ranocchia e con la complicità di una deviazione di Ehizibue, infila Padelli.

SECONDO TEMPO – L’Udinese, sorpreso dall’arrembanza brianzola, non se la dà comunque per inteso e al 4′ perviene al pareggio con un tapin di Perez su tacco di Beto. Al 7′ Lovric pesca Ugodie che però conclude larghissimo. L’Udinese spinge alla ricerca del vantaggio ma anche al 10′ non lo trova con Samardzic che costringe Cragno alla deviazione sopra la traversa. Quattro minuti dopo il Monza potrebbe tornare avanti con Rovella che però conclude fuori misura. Al 18′ l’Udinese risponde con un tiro a lato di Beto.

E’ il preludio del gol del vantaggio friulano che giunge al 23′ con Perez su cross di Pereyra. Per lui arriva quindi la doppietta personale. Il Monza ha il merito di tenere dritta la barra della concentrazione e al 25′ torna in carreggiata con Molina che ribadisce in rete una corta respinta di Padelli su precedente tiro dell’ex Trapani Colpani. Al 27′ i biancorossi mettono la freccia e tornano in vantaggio con Petagna, l’ex Napoli entra in area d’autorità e non lascia scampo a Padelli. Al 37′ l’Udinese potrebbe tornare in parità ma il tiro in girata di Pereyra è respinto dal palo. Al 39′ è Samardzic a colpire i legni. L’Udinese ci crede fino alla fine ma al 43′ Deulofen manca lo specchio della porta. I bianconeri alzano bandiera bianca e il Monza potrebbe persino allargare il fossato ma al 46′ Petagna si vede neutralizzare la conclusione da Padelli. E il Monza può godersi a pieno diritto il suo capolavoro. Agli ottavi la squadra di Palladino affronterà la Juventus già battuta in campionato.

TABELLINO

UDINESE- MONZA 2-3

UDINESE: Padelli, Arslan, Beto (20’s.t: Deulofeu), Ebosele (1’s.t: Udogie), Ebosse, Ehizibue (20’s.t: Pereyra), Jajalo (1’s.t: Samardzic), Lovric, Nestorowski (20’s.t: Success), Nuytinck, Perez. A disposizione:
Piana, Abankwah, Bijol, Makengo, Silvestri, Walace. All.Andrea Sottil.

MONZA: Cragno, Antov, Birindelli, Carboni, Colpani, D’Alessandro (24’s.t: Molina), Machin (11’s.t: Vignato), Paletta (28’s.t: Marrone), Ranocchia (11’s.t: Bondo), Rovella, Valoti (24’s.t: Petagna). A disposizione: Lamanna, Colombo, Donati, Dos Reis, Ferrarini, Ferraris, Kassama, Sorrentino, Siatounis. All.Raffaele Palladino.

Arbitro: Federico Dionisi dell’Aquila.
Marcatori: p.t: 45′ Valoti (M). S.t: 4′ e 23′ Perez (U), 25′ Molina (M), 27′ Petagna (M).

Photocredits

Condividi

Join the Conversation