Il Monza sbanca Marassi in una partita da incorniciare

di Cristiano Comelli – Riscatto voleva e riscatto ha trovato. Come già nella sfida d’andata, il Monza si impone contro il Genoa, stavolta al Luigi Ferraris, per 3-2...

369 0
369 0

di Cristiano Comelli – Riscatto voleva e riscatto ha trovato. Come già nella sfida d’andata, il Monza si impone contro il Genoa, stavolta al Luigi Ferraris, per 3-2 e riscatta la pesante sconfitta contro la Roma. La squadra di Palladino, avanti di due reti, è stata poi raggiunta dai rossoblù ma è stata brava a cercare con insistenza la posta piena. La classifica, dopo la decima vittoria stagionale dei biancorossi, dice ora 39 punti che valgono la decima piazza.

PRIMO TEMPO – Il Genoa prova a fare male già al 1′ con un tiro dal limite di Messias che è però deviato in corner. All’8′, alla sua prima occasione, è però il Monza a passare con Pessina che riceve di testa da Colpani imbeccato a sua volta da Andrea Carboni e infila Martinez. Al 18′ è già raddoppio con una splendida rovesciata di Mota Carvalho su cross dalla destra di Colpani.

Il Monza, dopo il raddoppio, non si dimostra comunque pago e vuole allargare ulteriormente il bottino schiacciando i rossoblù nella loro metà campo, al 26′ Colpani conclude bene a giro ma si vede respingere la palla dalla traversa. Al 33′ il Genoa prova a rientrare in partita con un’incornata di Vogliacco, la mira è però la grande assente.

Sempre lui, al minuto 42, riceve la sfera da Badelj ma colpisce male facendo sfumare un’altra occasione ghiotta per i rossoblù per tornare in scia. La prima frazione si conclude con un Monza meritatamente in vantaggio.

SECONDO TEMPO – Al 6′ il Genoa rientra in partita, Pablo Marì ferma la sfera con la mano e il direttore di gara assegna ai padroni di casa il calcio di rigore. Dagli undici metri l’islandese Gudmundsson accorcia le distanze sul tapin dopo che Di Gregorio gli aveva respinto la prima conclusione.

Il gol mette le ali ai rossoblù che provano a pareggiarla all’11’ con Badelj che, servito da Retegui, calcia però alto. Al 18′ Spence serve Vitinha che però di testa non colpisce bene. Ed è proprio lui a coronare l’inseguimento del Genoa segnando al minuto 23 la rete del 2-2 che riapre i giochi al termine di un’azione di contropiede.

Il Genoa capisce a quel punto di poter sovvertire l’esito della contesa e ci prova al 25′ con Badejy ma Mota Carvalho si para davanti alla sua conclusione. Al 32′ Retegui, servito da Messias, impegna Di Gregorio. Il Monza riesce a uscire dal guscio e lo fa nel modo migliore, cioè ritornando in vantaggio al 34′ con l’ex Spezia Maldini, bravo a ribadire in rete una respinta di Martinez su precedente conclusione di Valentin Carboni. Al 50′ il Genoa spara l’ultima cartuccia con un’incornata di Bani bloccata da Di Gregorio. Il Monza può festeggiare.

TABELLINO

GENOA – MONZA 2-3

GENOA: Martinez, De Winter, Bani, Vogliacco (1’st Spence), Sabelli (40’st Ekuban), Strootman (1’st Vitinha), Badely (420st Thorsby), Frendrup (1’st Malinovskyi), Messias, Gudmundsson, Retegui. A disposizione: Leali, Sommariva, Bohinen, Cittadini, Pittino. All.Alberto Gilardino.

MONZA: Di Gregorio, Birindelli (41’st Pedro Pereira), Izzo, Pablo Marì, Carboni A,, Bondo, Akpa Akpro (30’st Carboni V.), Colpani (19’st Kyriakopoulos); Pessina (41’st Machin), Mota Carvalho (30’st Maldini), Djuric. A disposizione: Sorrentino, Gori, Donati, Caldirola, Colombo, Zerbin, Popovic,Ciurria. All.Raffaele Palladino.

Arbitro: Feliciani di Teramo

Marcatori: p.t: 8′ Pessina (M), 18′ Mota Carvalho (M). S.t: 7′ Gudmundsson (G) (Rig), 23′ Vitinha (G), 40′ Maldini (M)

Photocredits

 

Condividi

Join the Conversation