Altro giro a vuoto per il Seregno contro l’Arconatese

SEREGNO – Un altro giro a vuoto. Il secondo consecutivo e l’ottavo stagionale. Notte fonda per il Seregno che scivola al “Ferruccio” contro l’Arconatese per 0-2 nel posticipo del...

705 0
705 0

SEREGNO – Un altro giro a vuoto. Il secondo consecutivo e l’ottavo stagionale. Notte fonda per il Seregno che scivola al “Ferruccio” contro l’Arconatese per 0-2 nel posticipo del girone B del campionato di serie D e compie un altro pericoloso arretramento in graduatoria.

Gli Spartans sono infatti ora al quintultimo posto con diciotto punti. Gli ospiti sono andati in vantaggio al 15′ della seconda frazione grazie a Silvano, bravo a raccogliere un cross e a infilare la porta brianzola.

Al 20′ l’ex Castellanzese Chessa sigla il raddoppio su calcio di rigore concesso per un fallo sullo stesso Silvano. L’Arconatese torna a vincere dopo cinque turni a secco e due sconfitte di fila in cui peraltro non era neppure riuscita ad andare a bersaglio e , sesta con ventinove punti, si ripropone in chiave playoff. All’interno della tifoseria emergono pareri diversi.

Se sul profilo social di “Tifosi Seregno calcio” si parla di “profonda, triste e ripida discesa” aggiungendo che “anche nel 2023 la musica non cambia”, la Curva Nord Seregno scrive invece: “a seguito del chiarimento con il presidente dove ci è stata data la sua versione dei fatti , contrastante da quella che si è letta sui giornali e sentita in giro, la Curva Nord Seregno informa che è il momento di rientrare al Ferruccio a sostenere la squadra per raggiungere quantomeno l’obiettivo salvezza”.

Non presente alla sfida con l’Arconatese, la Curva ha reso noto che rientrerà a sostenere i suoi giocatori nel loro impegno di domenica 22 gennaio al “Ferruccio” con il Città di Varese. La squadra spera di poter risalire la china anche con gli ulteriori innesti del centrocampista classe 2003 Kevin Bright , scuola Cremonese, e del difensore classe 2004 Edoardo Barracane proveniente dal Sant’Angelo.

Photocredits

Condividi

Join the Conversation