Volley, Monza perde in casa con Trento

Monza sconfitto in casa dalla formazione ospite di Trento. La prima stagionale della Vero Volley davanti al pubblico della Candy Arena di Monza si chiude senza gioie. Nella...

212 0
212 0

Monza sconfitto in casa dalla formazione ospite di Trento. La prima stagionale della Vero Volley davanti al pubblico della Candy Arena di Monza si chiude senza gioie. Nella seconda giornata di ritorno della SuperLega Credem Banca 2019-2020 a fare i tre punti sono gli ospiti dell’Itas Trentino, lucidi nel chiudere il match in tre set infliggendo la seconda sconfitta consecutiva alla prima squadra maschile del Consorzio Vero Volley. Soli deve rinunciare a Kurek, per lui fastidio alla schiena, contando sull’esordio da titolare del cubano Ramirez Pita, poi sostituito da Dzavoronok dal secondo gioco in poi come posto due.

Monza fatica ad accendersi, riuscendo però nel parziale di mezzo a farsi sentire con il servizio ed il muro (2 di Beretta e 1 di Yosifov) e mettendo la testa avanti per più di una volta con l’ottimo Sedlacek (16 punti, 56% in attacco per lui). Alla fine, però, a spuntarla è sempre Trento, che chiude ai vantaggi il gioco con le accelerazioni di un continuo Russell (16 punti, 1 ace ed il 78% in attacco) e un positivo Lisinac dal centro (13 punti, 3 muri ed il 69% in attacco). Boccone amaro per i lombardi, ora attesi domenica da Perugia e successivamente da Civitanova per i quarti di finale della Coppa Italia. Le notizie positive comunque ci sono: oltre al ritorno a casa c’è anche il recupero, non ancora completo, di Buchegger, sceso in campo quest’oggi a dare una mano ai suoi ma ancora lontano dalla migliore condizione.

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA
Fabio Soli (allenatore Vero Volley Monza): “Abbiamo messo più cuore rispetto a quello visto nelle ultime gare. Dobbiamo migliorare sicuramente delle cose, è evidente. Lo abbiamo condiviso in questa pausa ma non è bastato. Questa squadra può dare di più rispetto a stasera e alla gara contro Milano. La strada è dura, lunga, lo sappiamo. Dobbiamo e vogliamo crescere anche se purtroppo i risultati non ci danno una mano. Dobbiamo essere noi però a darci una mano con la qualità di gioco. Oggi sapevamo che saremmo stati in emergenza, motivo per cui avevo detto ai ragazzi di aspettarsi di uscire ed entrare, cambiare, magari giocare fuori ruolo. Lo hanno fatto bene, giocando col giusto piglio. Dobbiamo mettere sicuramente più qualità, perchè durante la gara diventiamo scontati e questo si ripercuote sul nostro entusiasmo, aspetto fondamentale per risolvere momenti del match che non ti arridono”.
Davide Candellaro (centrale Itas Trentino):”Sapevamo che non sarebbe stato semplice, dopo una sosta lunga, in un palazzetto così caldo come quello di Monza. Credo però che la nostra squadra sia stata brava a stare nel gioco, leggendo bene le situazioni e concretizzando nel momento in cui era importante farlo attraverso le situazioni di gioco studiate in questo periodo senza partite. E’ una vittoria che fa bene e ci dà morale. Possiamo crescere molto e già nelle prossime due, tre gare sono certo che potremo far vedere ulteriori miglioramenti”.

LA CRONACA IN BREVE
PRIMO SET
E’ Trento a partire forte sia in attacco che a muro, con Vettori e Cebulj protagonisti, e Soli chiama time-out sul 5-1 per gli ospiti. Mani fuori di Vettori e muro di Candellaro su Galassi a spingere l’Itas sul 9-3. Sedlacek tenta di dare una scossa ai suoi, Beretta lo imita bene per due volte di fila e la Vero Volley accorcia, 11-8, costringendo Lorenzetti al time-out. Lisinac e l’errore di Beretta riallontanano Trento (13-8), ma Monza è concentrata e rimane incollata con Galassi e Dzavoronok (ace), 15-12. Vettori continua ad andare a bersaglio (16-12), Candellaro fa lo stesso, con la Vero Volley che commette qualche errore. I trentini scavano il solco con l’ace di Russell, allungando 20-14, e Soli chiama time-out per spronare i suoi. Dentro Louati per Sedlacek: Dzavoronok viene murato da Vettori e Trento vola sul 22-15. Dzavoronok guida la reazione dei suoi con due assoli (22-17), Buchegger piazza l’ace del meno quattro, 23-19. L’ace di Cebulj chiude il primo gioco, 25-19, per l’Itas Trentino.

SECONDO SET
Dentro Yosifov per Galassi e Dzavoronok opposto a sostituire Ramirez Pita, con Louati e Sedlacek schiacciatori. Punto a punto iniziale con qualche errore da entrambe le parti (3-3), poi muro di Dzavoronok su Russell, errore di Vettori e break Monza, 5-3, con Lorenzetti che chiama la pausa. Gli ospiti reagiscono firmando subito la parità con Russell e Candellaro (5-5) e si prosegue sull’equilibrio fino al 7-7. Muro di Beretta su Candellaro che vale il nuovo break lombardo (8-6), ma i monzesi sbagliano al servizio e faticano a contrattaccare con efficacia, 9-9. Sedlacek a bersaglio, Yosifov sale in cattedra sia a muro che in attacco, e Monza tenta di mettere la freccia, 12-10. La Vero Volley costruisce un mini-break (14-11), poi lo disperde concedendo qualcosa e Trento torna a meno uno, 16-15. I brianzoli sono però determinati: Louati e Dzavoronok non sbagliano, portando i loro sul 19-16 e Lorenzetti chiama time-out. Alla ripresa del gioco ancora Sedlacek in evidenza (22-20), poi pareggio firmato da Vettori e Russell (22-22) ed equilibrio fino al 28-28. Il set prosegue con Trento che sbaglia due servizi consecutivi, sciupando l’occasione di chiudere il gioco, e la Vero Volley ringrazia (29-29). Russell prima va a segno e poi mura Dzavoronok regalando il parziale ai suoi, 31-29.

TERZO SET
Equilibrio nel prologo (3-3), poi break Trento complici due sbavature monzesi, 6-4. I monzesi vanno a segno con Louati e Sedlacek, portandosi a meno uno, 7-6. Gli errori al servizio degli ospiti tengono in corsa la Vero Volley, brava a pareggiare i conti con il muro di Beretta su Russell, 9-9. Quest’ultimo però, tra i più positivi dei suoi, guida Trento al nuovo break, 12-10. Cebulj e Russell continuano ad andare a segno (15-12) e Soli chiama time-out per provare ad interrompere il momento sì degli ospiti. Alla ripresa del gioco Trento mette la freccia complici anche diversi errori dei padroni di casa, 17-13, ma Monza non molla e si avvicina ancora con Yosifov e Sedlacek, 17-15. Vettori spegne l’entusiasmo della squadra di Soli, che chiama time-out sul 19-15 per gli ospiti. Entra Federici per Goi: Dzavoronok non sbaglia da posto due (23-19), ma non basta. Il finale è tutto dell’Itas, brava a gestire bene il vantaggio e chiudere set, 25-21, e gara 3-0.

Condividi
monza in diretta

Join the Conversation