Usmate, la Polizia Locale disarma un uomo con coltello

USMATE VELATE – Nella giornata di giovedì 1 febbraio, gli agenti di Polizia Locale sono intervenuti in via Volta (intersezione via Cottolengo) a seguito di segnalazioni giunte da privati...

1323 0
1323 0

USMATE VELATE – Nella giornata di giovedì 1 febbraio, gli agenti di Polizia Locale sono intervenuti in via Volta (intersezione via Cottolengo) a seguito di segnalazioni giunte da privati cittadini in cui veniva espressa forte preoccupazione per il comportamento di un giovane in evidente stato di grave agitazione.

Giunti sul posto, gli agenti hanno rintracciato l’uomo e hanno notato che sotto il giubbotto occultava un coltello. Considerata la gravità della situazione, gli agenti sono prontamente intervenuti per fermarlo e disarmarlo del coltello, la cui lama di 23 centimetri rappresentava un pericolo per se stesso e per gli altri.

In questa occasione si sono rilevati di fondamentale importanza tutte le attrezzature di protezione individuale di cui gli agenti sono dotati tra cui i guanti anti taglio, i giubbotti anti-perforazione e lo scudo TSO.

In attesa delle cure mediche, era evidente lo stato di agitazione e l’alterazione della personalità. Il giovane, di nazionalità italiana e non residente in Usmate Velate, è stato trasportato dal 118 presso l’Ospedale di Vimercate dove è stato avviato l’iter di cure psichiatriche.
Sul posto, in ausilio della Polizia Locale, sono intervenuti anche i Carabinieri della Stazione di Arcore.

Il giovane è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per porto abusivo di arma. “Ringrazio gli agenti di Polizia Locale per questo intervento di sicurezza urbana e per aver eseguito l’intera operazione prestando attenzione all’incolumità del giovane e delle persone del posto – afferma Pasquale De Sena, assessore alla Sicurezza – Aver dotato i nostri agenti di attrezzature idonee a garantire la loro stessa sicurezza, si è rivelato un elemento decisivo per fare in modo che potessero agire con tempestività scongiurando ogni pericolo per la collettività”.

Condividi

Join the Conversation