Monza, i centri disabili “aperti” virtualmente

MONZA – L’emergenza Coronavirus ha portato alla chiusura anche dei «Centri Diurni Disabili» («CDD») di via Gallarana e via Silva, frequentati da 57 persone con disabilità importanti. Per...

322 0
322 0

MONZA – L’emergenza Coronavirus ha portato alla chiusura anche dei «Centri Diurni Disabili» («CDD») di via Gallarana e via Silva, frequentati da 57 persone con disabilità importanti. Per questo il Comune di Monza, con una ordinanza firmata dal Sindaco Dario Allevi, ha istituito un progetto per mantenere la continuità del servizio attraverso l’uso della tecnologia. “Le persone più fragili – ha detto il Sindaco – sono quelle più a rischio e noi abbiamo il dovere di proteggerle, garantendo loro l’assistenza”.

Servizio a «distanza». Protezione, ma anche continuità del servizio. Queste le coordinate del progetto «Nell’aria, parole ed immagini in volo». Lo scopo è mantenere la relazione educatore-utente sviluppando una diversa attività educativa attraverso l’uso della tecnologia. «Anche nell’emergenza – spiegano il Sindaco e l’Assessore alle Politiche Sociali Desiree Merlini – bisogna comunque continuare a garantire l’assistenza, fornendo un serio, competente e sicuro supporto a domicilio con l’utilizzo, in modo innovativo, di tutti gli strumenti che la rete ci mette a disposizione. Se a queste persone venisse meno il nostro supporto andrebbero in difficoltà, a prescindere dal Coronavirus, e le famiglie si troverebbero a gestire un carico insostenibile. Per questo abbiamo messo in campo un piano di emergenza e di intervento».

Il progetto. Nella realizzazione di questo progetto sono stati coinvolti i 26 operatori dei due «CDD» che hanno cercato di rispondere agli inevitabili cambiamenti che l’emergenza Covid – 19 ha portato nella quotidianità delle persone diversamente abili e delle loro famiglie. Innanzitutto, attraverso alcuni canali telematici, il personale dei due Centri condivide con le famiglie materiale educativo di diverso tipo come fotografie, canzoni, disegni, video, improvvisazioni teatrali, storie raccontate. Gli utenti possono rispondere a questi messaggi in modo da favorire lo scambio relazionale e la sperimentazione di possibilità comunicative nuove, garantendo continuità ai percorsi formativi di ciascuno.

I numeri di emergenza. È stato attivato un numero di cellulare per poter contattare le coordinatrici dei Centri di via Gallarana e via Silva e, in collaborazione con l’Ufficio Disabili, è stato fornito alle famiglie numero di emergenza per poter attivare il servizio di consegna pasti e di spesa a domicilio per i nuclei familiari più in difficoltà. Infine, le coordinatrici dei CDD sono disponibili tutti i giorni per videochiamate con i ragazzi o con le famiglie.

Condividi

Join the Conversation