Desio, efficienza energetica per la piscina comunale

DESIO – Lo sport non si ferma: incrementare l’efficienza energetica della piscina comunale e sostenere gli operatori economici che gestiscono gli impianti sportivi natatori, che, a seguito dell’incremento...

656 0
656 0

DESIO – Lo sport non si ferma: incrementare l’efficienza energetica della piscina comunale e sostenere gli operatori economici che gestiscono gli impianti sportivi natatori, che, a seguito dell’incremento dei prezzi dell’energia, rischiano l’interruzione dei servizi.

La Giunta comunale di Desio ha approvato nei giorni scorsi l’addendum contrattuale che disciplina la realizzazione degli interventi di efficientamento energetico che saranno realizzati presso il centro natatorio di via Serao.

“Desio continua a investire per migliorare l’efficienza energetica delle proprie strutture – spiega l’Assessore con delega all’Edilizia Sportiva Martina Cambiaghi – questa volta tocca alla piscina di via Serao, che rappresenta un’enorme risorsa per la nostra comunità e arricchisce il potenziale della nostra offerta turistica. Abbiamo ottenuto un’agevolazione regionale pari all’80% della spesa, la restante parte sarà sostenuta dal concessionario dell’impianto, per cui l’intervento sarà a costo zero per le casse comunali”.

La struttura è in concessione alla società MGM sport Srl e l’ intervento avrà un costo di poco più di 450mila euro: si potrà contare su un contributo di 350mila euro in arrivo da Regione Lombardia, mentre la stessa ditta che ha in gestione l’attuale impianto si farà carico della somma residuale di cofinanziamento di circa 100mila euro.

Conclude l’Assessore: “Ringraziamo il concessionario per l’impegno sull’impianto, che è un presidio importantissimo per la nostra città sotto il profilo sportivo e sociale, per le tante attività con le scuole, con gli anziani e i disabili. Si tratta di un vero e proprio punto di riferimento e, grazie a questi interventi, continuerà ad esserlo”.

Meno consumi, meno costi: l’efficientamento energetico nel dettaglio. Le soluzioni individuate, tenendo conto di analisi costi-benefici e dei contributi ottenuti grazie alla partecipazione a bandi pubblici, riguardano: 1) consumi elettrici (relamping interno, con sostituzione delle vecchie plafoniere e dei proiettori del piano vasche con nuovi apparecchi LED ad alta efficienza, dotati di rilevatori di presenza e predisposti per la regolazione automatica dell’intensità luminosa in funzione degli apporti di illuminazione naturale esterna); 2) approvvigionamento elettrico (per ridurre notevolmente il consumo di energia elettrica prelevato dalla rete di distribuzione, verrà installato in copertura un impianto fotovoltaico da 92,7 kW); 3) miglioramento energetico dell’involucro opaco (in concomitanza con gli interventi di installazione degli impianti fotovoltaici, si prevede la sostituzione del rivestimento in lamiera esistente e la posa di uno strato isolante in polistirene estruso ad alta resistenza a compressione, completo di un nuovo sistema di impermeabilizzazione e compartimentazione ai fini antincendio); 4) miglioramento energetico involucro trasparente (i lucernari esistenti in policarbonato a due camere, rovinati da intemperie e grandine, saranno sostituiti con dei pannelli fotovoltaici trasparenti, che permetteranno di mantenere l’apporto gratuito della luce solare e di produrre contestualmente energia elettrica. In corrispondenza del vano dei lucernari verrà altresì installata una lastra in policarbonato multicamera, al fine di migliorare le prestazioni termiche e ridurre la dispersione del calore diffuso, in particolare, dal piano vasche); 5) miglioramento delle prestazioni dell’impianto di riscaldamento (è prevista l’installazione di apparati in grado di gestire l’intero impianto tecnologico della struttura, implementando sistemi di termoregolazione per singolo ambiente, contabilizzatori per il consumo di energia e telecontrollo collegato alla rete, nonché valvole termostatiche).

Foto piscina di David Mark da Pixabay

Condividi

Join the Conversation