Mindset e salute: quale legame?

Esiste davvero un collegamento tra corrette pratiche quotidiane e benessere psico-fisico? È innegabile: la società liquida che Zygmunt Bauman ha magistralmente raccontato nei suoi saggi, comunità individualista all’interno...

224 0
224 0

Esiste davvero un collegamento tra corrette pratiche quotidiane e benessere psico-fisico? È innegabile: la società liquida che Zygmunt Bauman ha magistralmente raccontato nei suoi saggi, comunità individualista all’interno della quale i rapporti umani risultano essere a dir poco aleatori, ha ormai preso il sopravvento su un tipo di nucleo consociativo, quello degli anni ‘70-’80 del secolo scorso, dove fratellanza e comunanza la facevano da padrone. Non solo: a causa del continuo progredire della tecnologia, che tutto ci mette a disposizione attraverso un semplice click, viviamo oggi una vita fatta di impazienza e di crisi che esplodono improvvise nel momento in cui non otteniamo ciò che desideriamo. Perché tutto ci è dovuto nel 2020! Siamo infine talmente legati al virtuale che rifuggiamo il reale, così impegnati a trascorrere ogni istante freneticamente, forse perché speriamo di recuperare quel tempo terreno che crediamo infinito, che mettiamo a rischio il nostro benessere psico-fisico. Proprio di benessere desideriamo parlarvi in questo articolo ma in maniera, passateci il termine, inusuale: vogliamo focalizzarci sul rapporto che intercorre tra mindset e salute. Immaginiamo che vi starete domandando quale sia il significato di tale “astruso” vocabolo. Ebbene per mindset si intende sia un’impostazione mentale, radicata in ognuno di noi ma che può essere cambiata, sia un complesso di credenze che influenzano il nostro approccio alla vita. Chiunque, più o meno inconsciamente, fa “sfoggio” in ogni occasione di un insieme di pratiche/atteggiamenti, influenzato soprattutto dalla realtà dell’ambiente circostante, che è diventato con il tempo parte dell’Io. Tuttavia molte di queste pratiche sono dannose, come ad esempio fare uso anche sporadico di alcool, magari perché ci si sente sottopressione e si spera di rifuggire da una situazione che si considera complessa. Trovare o modificare il proprio mindset, collegandolo a pratiche di stampo salutare, è il miglior modo per condurre un’esistenza sana e al contempo proiettata verso la profonda conoscenza di sé stessi.

Regola uno: modificare il proprio mindset!

Rivedere e variare quell’insieme di condizionamenti che si è sedimentato nella nostra mente da tempo immemore, denominato mindset, può essere assolutamente indispensabile per migliorare la qualità della vita vissuta da parte di ognuno di noi. Purtroppo nessuno al giorno d’oggi è in grado di trascorrere giornate, sia di lavoro sia dedicate al tempo libero, con quella tranquillità e quell’approccio distaccato indispensabile per far fronte ai piccoli/grandi inconvenienti che capitano in continuazione. Il nostro cervello, essendo spesso super-stimolato, reagisce all’imprevisto con massima agitazione. Ecco perché privilegiare un “mindset salutista”, inteso quale insieme di pratiche volto alla ricerca del benessere psico-fisico, diviene indispensabile in questo mondo frenetico. Gli stessi pokeristi seguono regole salutari, al fine di giocare manche al massimo delle loro possibilità, perché hanno ben compreso come “mens sana in corpore sano” non sia un semplice motto arcaico ma parte del binomio mindset/salute a cui dobbiamo tendere. La mentalità vincente per affrontare questa vita complessa si costruisce attraverso la consapevolezza e l’applicazione di semplici e importanti dettami

Regola due: seguire alcuni importanti dettami

Se lo scopo ultimo è quello di ricercare un vostro equilibrio interiore e al contempo uno stile di vita che sia il più possibile florido, siete chiamati ad applicarvi seriamente al fine di fare vostro un nuovo tipo di atteggiamento mentale che si focalizzi sul giusto riposo, sulla meditazione, sul moto fisico e sulla corretta alimentazione. Se dormirete almeno 8 ore a notte, non coricandovi mai a tarda ora, se ogni tanto dedicherete del tempo alle passeggiate mattutine, a fare stretching e a staccare la spina per liberare la mente, vi sentirete meno ansiosi e più tranquilli. La vita vi sembrerà come scorrere più lentamente e avrete meno fretta di fare mille cose e di farle tutte male! Non solo: se seguirete una dieta alimentare che presuppone l’assunzione di cibi sani, farete qualche spuntino a base di frutta secca, eviterete l’alcool e berrete molta acqua, vi sentirete alla grande. Ecco che, senza neanche accorgervene, starete introiettando un nuovo mindset che vi aiuterà ad approcciare ogni singolo momento della quotidianità con uno spirito altamente positivo. Forse questa società continuerà per lungo tempo a caratterizzarsi per la frenesia dei suoi ritmi/gesti, ma se nel nostro piccolo alcuni di noi proveranno a modificare il proprio sistema di condizionamenti precostituito, ecco che lanceremo il messaggio per cui si può essere giovani anche a 75 anni grazie all’adozione di un corretto stile di vita.

Condividi

Join the Conversation