Furti su autovetture: banda sgominata dai Carabinieri

Nel corso di questa settimana sono state eseguite, nelle Province di Milano e Monza, tre ordinanze di custodia cautelare, emesse dal Tribunale di Como, che...


269 0
269 0

Nel corso di questa settimana sono state eseguite, nelle Province di Milano e Monza, tre ordinanze di custodia cautelare, emesse dal Tribunale di Como, che hanno consentito di trarre in arresto altrettanti “professionisti” del furto.

I tre indagati hanno esercitato le loro “abilità e competenze” nella località turistica di Menaggio, ai danni di molti turisti, scassinando diverse autovetture noleggiate da coppie e famiglie, anche straniere.

L’attività è il frutto di un’indagine, coordinata dal Sostituto Procuratore Dott. Antonio Nalesso e condotta dall’Aliquota Operativa della Compagnia di Menaggio, che ha avuto inizio nel mese di Luglio del 2017.

Nell’estate del 2017, infatti, il Nucleo Operativo di Menaggio, dopo aver arrestato due persone per furti su autovetture ai danni di turisti stranieri e dopo aver provveduto alla riconsegna della refurtiva ai turisti stranieri  è stata avviata una complessa ed articolata indagine, sviluppatasi nel tempo anche grazie a specifica attività tecnico – investigativa, che ha permesso di individuare i responsabili tre italiani, con precedenti  in materia di reati contro il patrimonio. Sei i furti con scasso di altrettante autovetture, volti alla sottrazione di valigie ed effetti personali di valore  custoditi.

Nel corso dei mesi sono stati già assicurati alla giustizia diversi soggetti, arrestati a vario titolo per reati relativi al patrimonio, recuperata diversa refurtiva e sequestrati artigianali ed ingegnosi arnesi atti allo scasso.

L’articolato dispositivo messo in opera dalla Compagnia Carabinieri di Menaggio ha consentito di rintracciare i tre destinatari della misura, italiani tutti senza fissa dimora, dei quali due di origini Sinti. I tre destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere sono trattenuti  presso la casa circondariale di Monza, a disposizione dell’A.G. mandante.

Commenti