Università Insubria e Carabinieri insieme nella didattica

Presso la Caserma “Ugolini” di via della Moscova a Milano, il Comandante della Legione Carabinieri Lombardia, Generale di Divisione Teo Lzzi, e il Magnifico Rettore...


2
145 0
145 0

Presso la Caserma “Ugolini” di via della Moscova a Milano, il Comandante della Legione Carabinieri Lombardia, Generale di Divisione Teo Lzzi, e il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria di Varese, Prof. Alberto Coen Porisini, venerdì 8 Giugno,  hanno sottoscritto la Convenzione Quadro per l’Attività di Collaborazione Didattica e di Ricerca, finalizzata a intensificare il già proficuo rapporto di collaborazione tra il Comando Legione Carabinieri Lombardia e l’Ateneo varesino, nonché a integrare e coordinare le rispettive capacità didattiche.

Nello specifico, l’Università degli Studi dell’Insubria si impegna a favorire la didattica nel campo della “Prevenzione e gestione di primo soccorso in ambienti ostili” mettendo a disposizione proprie strutture e laboratori, mentre l’Arma dei Carabinieri assicurerà la collaborazione di personale tecnico-operativo specializzato nella specifica materia oggetto della Convenzione.

Tra i principali fautori dell’iniziativa il Prof. Cesare Beghi, Direttore della Scuola di Specializzazione in Cardiochirurgia dell’Università dell’Insubria, il quale, nel novembre 2017, unitamente ad Areu, aveva promosso e organizzato un corso di “Primo Soccorso e autoprotezione sanitaria in ambiente tattico/ostile” a favore di militari appartenenti alle “Aliquote di Primo Intervento” (A.P.I.) del Comando Provinciale di Milano e alle “Squadre Operative di Supporto” (S.O.S.) del 3° Reggimento Carabinieri “Lombardia”.

La specifica attività formativa era finalizzata a far acquisire al personale inquadrato nelle unità antiterrorismo dell’Arma dei Carabinieri utili elementi conoscitivi e nozioni base per attuare i comportamenti esatti in caso di emergenza, ad esempio per la gestione delle vittime traumatizzate in ambiente tattico/ostile, l’immobilizzazione e il trasporto di feriti, nonché in materia di primo soccorso in zona tattica, triage in situazioni critiche e sugli aspetti psicologici e relazionali delle emergenze in ambiente ostile.

Commenti