La Vero Volley cede al tie-break contro Conegliano

La grande forza e determinazione messe in campo dalla Vero Volley non bastano, alla fine Conegliano la spunta al tie-break nella prima gara della Finale Scudetto. Coach Gaspari all’entrata in...

402 0
402 0

La grande forza e determinazione messe in campo dalla Vero Volley non bastano, alla fine Conegliano la spunta al tie-break nella prima gara della Finale Scudetto.

Coach Gaspari all’entrata in campo sfida Santarelli con Orro-Thompson, Sylla-Larson, Stevanovic-Folie, Parrocchiale come libero. Le locali rispondono con Wolosz-Haak, Plummer-Robinson Cook, Lubian-Fahr e De Gennaro, premiata per le sue 400 presenze.

Milano parte fortissimo e annichilisce il Palaverde con la sua progressione: 0-4, 4-10, 6-17. Conegliano risponde nella seconda metà del parziale e trova la parità a quota 22. Thompson trascina le sue fino in fondo e mette la firma anche sul 23-25 che chiude la frazione, oltre ad altri 8 punti nel parziale. E’ 0-1.

Le locali accelerano in apertura del secondo parziale (8-5), ma la Vero Volley si fa sotto più volte (11-9, 16-15) fino a trovare la parità a quota 19. Il primo set-point arriva sul 24-21. Milano annulla le prime due possibilità di Conegliano, ma alla terza deve cedere il passo: è 25-23 e tutto torna in parità, 1-1.

Anche il terzo set vive all’insegna della rimonta per Milano, che parte sotto (8-3, 20-17), è brava a restare sempre attaccata alla frazione, a trovare la parità (a 21), ad allungare nel momento decisivo (21-23) e a chiudere alla prima palla utile per il 23-25, che porta anche il conto dei set sul 1-2.

La Vero Volley accelera nel quarto parziale (1-4, 4-9), ma sul 9-9 il match torna in parità. E’ una sfida colpo su colpo, dove la minima incertezza può valere il break per l’avversario. La sfida è uno spot per la pallavolo e le sue emozioni. Conegliano trova il massimo vantaggio sul 21-14, prima di chiudere 25-19.
Decide tutto il quinto set, che dopo un inizio nel segno dell’equilibrio vede prima un +2 di Milano (4-6) e, poi, lo strappo di Conegliano: 11-9, 13-10 e 15-11. Thompson chiude il match con 36 punti, Haak con 32, l’MVP del match è per le locali, con Lubian.

Milano raccoglie l’applauso dei suoi tifosi, arrivati fino in Veneto per accompagnare incessantemente le ragazze della Vero Volley. Quegli stessi tifosi che ritroverà martedì sera, alle 20:45 all’Arena di Monza, per il secondo appuntamento di una sfida di finale che si conferma aperta e incertissima.

LE DICHIARAZIONI POST GARA
Raphaela Folie (Vero Volley Milano): “Questa sera è stata una bella battaglia. Loro stavolta sono state più brave nel set decisivo rispetto a noi, però, questa partita ci da molta fiducia, quindi, non vediamo l’ora di tornare in campo, la prossima volta a casa nostra”.

Jordan Thompson (Vero Volley Milano): “Sicuramente è una sconfitta dura ma abbiamo lottato fino in fondo e per questo sono orgogliosa di quello che abbiamo fatto. Abbiamo ancora molto da dire e sono fiduciosa nel mio team. Due giorni di lavoro e, poi, di nuovo in campo, in casa e davanti ai nostri tifosi. Il loro supporto ci aiuterà sicuramente!”.

Prosecco Doc Imoco Conegliano – Vero Volley Milano 3-2 (23-25, 25-23, 23-25, 25-19, 15-11)

Prosecco Doc Imoco Conegliano: Carraro, Plummer 15, Robinson-Cook 7, Squarcini, De Kruijf 1, Gennari, Gray, Lubian 19, De Gennaro (L), Haak 32, Wolosz 4, Fahr 2. Non entrate: Samedy, Pericati (L). All. Santarelli.
Vero Volley Milano: Stysiak, Folie 12, Orro 1, Parrocchiale (L), Begic 4, Thompson 36, Rettke 4, Stevanovic 2, Negretti (L), Sylla 3, Larson 11, Candi. Non entrate: Allard, Davyskiba. All. Gaspari.

NOTE

Arbitri: Braico Marco, Puecher Andrea

Spettatori: 5333

Durata set: 30, 32′, 33′, 28′, 17′. Tot: 2h39′.

Prosecco Doc Imoco Conegliano: battute vincenti 6, battute sbagliate 16, muri 13, errori 30, attacco 42%
Vero Volley Milano: battute vincenti 6, battute sbagliate 10, muri 9, errori 21, attacco 37%

MVP: Marina Lubian (Prosecco Doc Imoco Conegliano)

Impianto: Palaverde di Villorba.

Condividi

Join the Conversation