Palazzo Terragni a Lissone: aggiudicati i lavori di restauro

Lissone – Sono stati aggiudicati i lavori per il restauro conservativo delle facciate esterne di Palazzo Terragni, al fine di riqualificare l’edificio di maggior pregio architettonico, culturale e...

1975 0
1975 0

Lissone – Sono stati aggiudicati i lavori per il restauro conservativo delle facciate esterne di Palazzo Terragni, al fine di riqualificare l’edificio di maggior pregio architettonico, culturale e storico del Centro città.

Nei giorni scorsi, il Comune ha ufficialmente aggiudicato i lavori che consentiranno un restyling generale al Palazzo situato in Piazza Libertà, polo di riferimento culturale e teatrale della città.

I lavori sono stati aggiudicati al raggruppamento di imprese tra Formica srl e Teicos Ue srl di Milano. Un investimento importante per le casse comunali, anche se parte dell’intervento sarà coperto da un finanziamento regionale. L’ammontare complessivo dei lavori è di circa 460.000 €, cifra che include anche le spese delle fasi di progettazione già sostenute.

Per i lavori, il costo di intervento sul quale è stato calcolato il finanziamento è di 380.000 €.

Di questi, 247.000 provengono da un finanziamento regionale così suddiviso: 61.000 a fondo perduto e gli altri da restituire gradualmente entro il 2032.  I restanti 130.000 saranno interamente a carico dell’Amministrazione Comunale.

Per quanto riguarda il cronoprogramma, una volta sottoscritto il contratto (soggetto a stand-still di 35 giorni), la durata prevista dei lavori dall’inizio dell’affidamento è di 90 giorni, salvo imprevisti o avversità meteo.

Obiettivo del progetto rimane quello di far riconoscere alla comunità il Palazzo Terragni come bene culturale, migliorandone la fruibilità e garantendo nei suoi spazi un’offerta di servizi di qualità.

Le operazioni di restauro e di recupero progettate dalla società Weproject srl di Brescia (che ha curato il progetto sia definitivo che esecutivo) sono finalizzate al mantenimento delle condizioni conservative dei materiali e degli elementi caratterizzanti le superfici verticali e orizzontali esterne, manutenzione che non richiederà alcun intervento di demolizione o ricostruzione.

Infatti, il progetto intende conservare inalterati i materiali e le fattezze dell’edificio, siano essi quelli originali del 1938-40, o quelli introdotti o ripristinati nei restauri avvicendatisi successivamente.

Gli interventi di restauro conservativo riguardano dunque le superfici esterne dell’edificio, in particolare le superfici orizzontali (pavimentazioni, sottobalconi e soffitti) le superfici verticali (prospetti e Torre Littoria) ed il Sacrario.

Condividi

Join the Conversation