Monza aderisce alla Federazione delle Città Napoleoniche

Si celebrerà sabato 2 dicembre in Villa Reale, l’adesione ufficiale di Monza alla Federazione Europea delle Città napoleoniche. Per l’occasione, parteciperà alla giornata il presidente onorario e fondatore...

360 0
360 0

Si celebrerà sabato 2 dicembre in Villa Reale, l’adesione ufficiale di Monza alla Federazione Europea delle Città napoleoniche. Per l’occasione, parteciperà alla giornata il presidente onorario e fondatore della Federazione Charles Bonaparte, discendente diretto del fratello di Napoleone.

Il programma della giornata. La cerimonia mattutina si aprirà alle 11:30 nella Sala degli Specchi, dove avverrà la firma ufficiale che sancirà l’adesione di Monza alla Federazione.

L’evento sarà preceduto, alle ore 10, da una visita guidata alla dimora della corte vicereale per il gruppo di ospiti francesi e autorità locali a cura del CdRR.
Alle 14:30, invece, i cittadini potranno liberamente assistere nel Teatrino della Villa Reale – fino all’esaurimento dei 75 posti disponibili – alle prove d’orchestra con cantanti e scene dell’opera “Don Pasquale” di Gaetano Donizetti, che andrà in scena la sera alle 21 su inviti. Il libretto dell’opera – eseguita dall’orchestra lussemburghese Sequenda e diretta dal maestro Stefano Nigro – è fortemente legato all’età napoleonica poiché ricalcato sul dramma giocoso “Ser Marcantonio”, musicato da Stefano Pavesi nel 1810.

La Federazione. La Federazione Europea delle Città Napoleoniche è stata fondata nel 2004 da Charles Bonaparte. Si tratta di un’organizzazione senza scopo di lucro che coordina oltre 50 città europee, promuovendo e sviluppando “Destination Napoleon”, riconosciuto dal 2015 come “Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa”. La Federazione svolge diverse attività, inclusi scambi tra scuole e istituti universitari, convegni e azioni di conservazione del patrimonio storico e artistico di epoca napoleonica. Supporta le città associate nel censimento di tale patrimonio, promuovendo il turismo attraverso una mappa interattiva online consultabile al link https://www.destination-napoleon.eu/circuits e offrendo assistenza nello sviluppo di offerte turistiche. La Federazione partecipa anche a fiere internazionali per aumentare la visibilità dei suoi membri.

L’adesione di Monza. Monza ha una forte connessione con Napoleone Bonaparte: la Corona ferrea usata per la sua incoronazione a Milano è conservata nella Cappella di Teodolinda. Nel 1805, inoltre, Napoleone istituì il Parco di Monza come tenuta agricola modello e riserva di caccia. Con il Regno d’Italia napoleonico, infine, iniziò nel 1807 la costruzione del teatrino nella Villa Reale.

“Sin dalla sua costituzione – afferma la Presidente del Centro documentazione Residenze Reali lombarde (CdRR) Marina Rosa -, il nostro Centro Studi ha approfondito il tema napoleonico con conferenze, convegni e pubblicazioni. L’accordo di collaborazione che sarà sottoscritto con la FECN conferma tale impegno storico/scientifico: con la Federazione, abbiamo poi lavorato affinché significative realtà legate all’epopea napoleonica potessero fornire il loro contributo aderendo alla rete. Siamo molto soddisfatti che la città di Monza possa finalmente mostrare all’Europa l’inscindibile legame con Napoleone, sottolineato dalla presenza della Villa Reale, del suo Parco e della Corona Ferrea, simbolo della consacrazione di Bonaparte a Re d’Italia”.

“La Federazione Europea delle Città Napoleoniche e il suo Itinerario Destination Napoleon, certificato dal Consiglio d’Europa – dichiara Eleonora Berti, Direttrice Federazione Europea delle Città Napoleoniche – sono lieti di accogliere tra i suoi membri il Comune di Monza. La Federazione comprende circa cinquanta città ed istituzioni in 12 Paesi Europei, dalla Francia, al Portogallo, al Regno Unito e al Montenegro: rappresenta un quadro unico a livello europeo per lo scambio di esperienze tra città, a beneficio dei cittadini dei nostri Paesi e dell’Europa. Tra i progetti che attueremo nei prossimi mesi in stretta collaborazione con l’Amministrazione e le istituzioni culturali cittadine, tra cui il Centro di Documentazione delle Residenze Reali Lombarde, c’è l’itinerario dei luoghi della Monza Napoleonica, che vuole creare una narrazione urbana sulle tracce di Napoleone e del suo tempo, permettendo ai visitatori di comprendere il legame tra la città, Napoleone ed Eugène de Beauharnais e ricreando così un collegamento tra i luoghi che conservano la memoria di quella pagina di storia essenziale per comprendere l’Italia e l’Europa di oggi. Dalla visita al Duomo e al suo museo, si giunge alla Villa Reale ed al suo Parco. La città diviene così un libro di storia all’aria aperta, fruibile da tutti, abitanti e turisti”.

Foto di Greet Gladine da Pixabay

Condividi

Join the Conversation