Il 23 maggio #PalermoChiamaItalia

Due date scolpite nella storia italiana 23 Maggio e 19 Luglio 1992, due ricorrenze che coniugano memoria e impegno civile nel ricordo delle stragi di Capaci e via...

285 0
285 0

Due date scolpite nella storia italiana 23 Maggio e 19 Luglio 1992, due ricorrenze che coniugano memoria e impegno civile nel ricordo delle stragi di Capaci e via D’Amelio.

Sabato 23 Maggio 2020 alcuni canali della RAI racconteranno le storie delle scuole italiane al tempo del coronavirus, in cui si parlerà dell’impegno nel promuovere azioni di contrasto all’illegalità e alla criminalità organizzata.

La manifestazione di commemorazione delle stragi  mafiose del ’92 è promossa dal Ministero dell’Istruzione e dalla Fondazione Falcone, con l’intento di incoraggiare nelle scuole attività didattiche mirate alla cultura del rispetto e della legalità nell’ottica di una responsabilizzazione della cittadinanza.

Le istituzioni scolastiche, i docenti, gli studenti e le famiglie che desiderino inviare elaborati come video (durata massima 3 minuti), pensieri, poesie, immagini e ogni altro genere di materiale relativo ai temi della giornata, possono inviare i loro contributi – che saranno poi condivisi sui canali social della manifestazione,  all’indirizzo palermochiamaitalia@gmail.com

La trasmissione “Uno Mattina in famiglia” narrerà un racconto che si muoverà tra passato e presente. Nella mattinata verrà rivissuto virtualmente il viaggio che la Nave della Legalità ogni anno ha fatto salpando da Civitavecchia e raggiungendo Palermo con a bordo migliaia di ragazzi. Quest’anno la Nave Splendid della SNAV, usata tradizionalmente per questo evento, è stata trasformata in ospedale galleggiante per gli ammalati di Covid-19. Verranno raccolte le testimonianze delle scuole che hanno partecipato negli anni scorsi al viaggio e i racconti di docenti e studenti che, nonostante l’emergenza, hanno proseguito la didattica da remoto, dimostrando che la scuola non si è fermata e ha reagito con coraggio e impegno.

Condividi

Join the Conversation