Vimercate: aggiornamento tecnologico della Risonanza Magnetica

La dotazione tecnologia del servizio di Radiologia del presidio di Vimercate è stata recentemente potenziata con l’aggiornamento di alcune componenti della risonanza magnetica, installata nel 2010, con la...

274 0
274 0

La dotazione tecnologia del servizio di Radiologia del presidio di Vimercate è stata recentemente potenziata con l’aggiornamento di alcune componenti della risonanza magnetica, installata nel 2010, con la nascita del nuovo ospedale.

I componenti acquisiti consentono, innanzitutto, di adeguare l’attuale sistema ai più recenti requisiti di sicurezza informatica; permettono altresì, di qualificare ulteriormente i precedenti standard di riferimento per la diagnostica per immagini.

“Con questo aggiornamento – spiega Marcello Intotero, direttore della Radiologia – vengono incrementate le performance di elaborazione delle immagini e risulta possibile personalizzare con maggior precisione, rispetto al passato, ogni dettaglio del processo di indagine clinica, adattando le caratteristiche dell’esame alle effettive necessità e alle specifiche peculiarità dei pazienti. Il nuovo intervento – aggiunge il primario – aiuta maggiormente l’operatore nella scansione sicura di pazienti con impianti ortopedici e sistemi soggetti a specifiche condizioni in risonanza. Vengono inoltre implementate funzionalità avanzate su parti anatomiche particolarmente complesse, come encefalo, collo e colonna vertebrale”.

Un’ ulteriore miglioria è rappresentata dalla significativa riduzione del rumore acustico percepito dal paziente e dal miglioramento delle condizioni ambientali di scansione, con conseguente riduzione della necessità di esami di risonanza in sedazione.

Insomma, l’aggiornamento tecnologico realizzato (costato oltre 40.000 euro) “permette ai tecnici – racconta Daniela Motta, responsabile della struttura di Ingegneria Clinica della Asst – di lavorare più rapidamente , con un più alto livello di qualità delle immagini, una maggior semplicità d’impiego, un consistente aumento dell’efficienza e di rapidità di ricostruzione”.

Condividi

Join the Conversation