Allevi: 4 residenti a Monza positivi al Coronavirus

Quattro contagi da Coronavirus riguardano residenti nella città di Monza. Ne ha dato notizia il Sindaco Dario Allevi durante una conferenza stampa tenuta oggi in Comune. Il Sindaco...

994 0
994 0

Quattro contagi da Coronavirus riguardano residenti nella città di Monza. Ne ha dato notizia il Sindaco Dario Allevi durante una conferenza stampa tenuta oggi in Comune. Il Sindaco di Monza ha poi dichiarato di aver incontrato i dirigenti scolastici dei nove Istituti Comprensivi cittadini. L’incontro è stato l’occasione per definire un piano di pulizia straordinaria. Le operazioni riguarderanno tutte le scuole pubbliche (materne, primarie e secondarie di primo grado): 419 aule distribuite in 39 plessi.

Oggi il Sindaco e l’Assessore alle Politiche Sociali Désirée Merlini hanno incontrato un’ampia rete di cooperative, associazioni, parrocchie e aziende che si occupano a vario titolo di anziani per lanciare sul territorio azioni concrete e di supporto sulla scia dell’appello di Regione Lombardia per gli over 65 di restare in casa nei prossimi quindici giorni. L’obiettivo è mettere a sistema servizi che siano in grado di supportare gli anziani in questo periodo temporaneo, anche consegnando a domicilio – se necessario – i farmaci o la spesa «Vogliamo far comprendere alle persone più anziane che un “divieto prescrittivo” può diventare un comportamento virtuoso e responsabile da parte dell’intera comunità», spiega l’Assessore Désirée Merlini.

 Gli over 65 residenti a Monza sono 30.636 (il 24,7% della popolazione). Di questi gli over 75 sono 16.988 (il 13,7%). Un’utenza fragile è rappresentata dagli anziani che vivono da soli: 9.284 over 65 (il 7,5%) e 6.299 over 75 (il 5,1%). L’8% dei 6.299 anziani con più di 75 anni che vivono da soli sono seguiti dall’Ufficio Anziani del Comune. Per tutti gli over 65 sono stati attivati tre numeri di emergenza, in collaborazione con Auser Brianza, per ottenere ogni informazione utile: 334/6311270 (dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 17), numero verde AUSER (per chiamate da telefono fisso): 800 995 988 (dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18), numero AUSER Brianza (per chiamate da cellulare): 039/2454544 (dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18).

«Nell’emergenza – spiega il Sindaco – la città ha risposto con grande senso civico e senza isterismi. Stiamo lavorando insieme a un’ampia rete di associazioni ed enti per mettere in campo strumenti in grado di arginare la diffusione del virus e dare risposte concrete ai cittadini, soprattutto agli over 65».

L’esplosione del Coronavirus è la più grande emergenza sanitaria degli ultimi anni, ma per le aziende si sta trasformando anche nell’opportunità di rivedere i propri modelli organizzativi. Anche nel settore pubblico. In questa situazione così critica, lo smart working è una delle soluzioni per continuare a garantire i servizi ai cittadini, così come previsto dall’articolo 4 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’1 marzo 2020. Per questo il Comune di Monza ha aperto un bando per dare la possibilità ai dipendenti di lavorare da casa fino al 15 marzo: sono una settantina le candidature pervenute ad oggi. I dipendenti dovranno essere dotati di un desktop o un notebook, di una connessione internet «protetta» e di uno smartphone su cui essere contattati durante lo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità «agile».

«In una situazione di emergenza lavorare da remoto significa mantenere alti i livelli di produttività e garantire la continuità operativa del Comune, spiega il Sindaco Dario Allevi. In una situazione di emergenza come quella causata dal coronavirus la tentazione sarebbe di arrendersi, gettare le armi e abbandonare la scena, ma non possiamo fermarci. Monza va avanti, anche grazie a modalità innovative che stiamo sperimentando».

Condividi

Join the Conversation