Dagli alpeggi della Valtellina ai trionfi nello Sci Alpinismo

Dagli alpeggi della Valtellina ai trionfi nello scialpinismo: Michele Boscacci, 28enne atleta del Centro Sportivo Esercito con la passione per le mucche, quest’anno ha centrato una...


300 0
300 0

Dagli alpeggi della Valtellina ai trionfi nello scialpinismo: Michele Boscacci, 28enne atleta del Centro Sportivo Esercito con la passione per le mucche, quest’anno ha centrato una lunga serie di successi che lo hanno portato a vincere prima la Coppa del Mondo di specialità e poi il circuito de La Grande Course, che comprende tutte le gare più prestigiose. Tra competizioni, allenamenti e servizio militare, Michele trova il tempo per gestire una stalla nella natia Albosaggia (Sondrio).

Allevatore socio di Coldiretti in Lombardia, il neo campione iridato di scialpinismo è anche un custode della biodiversità, visto che tra le sue mucche ce ne sono alcune di Bruna Alpina, razza a rischio di estinzione. I suoi animali sono una decina, tutti da carne.

La produzione è a uso familiare, “ma capita spesso di andare in trasferta mettendo in borsa delle bresaole fatte con la mia carne – spiega ancora Michele – Ho vacche di razza Bruna, Piemontese e meticce. Produciamo soprattutto la classica bresaola valtellinese”.

Che deve far bene, vista la forma raggiunta quest’anno da Michele: campione del mondo di scialpinismo già nel 2016, il giovane valtellinese ha centrato il titolo 2018 con le gare finali a Madonna di Campiglio, seguite qualche giorno dopo dal trionfo nel circuito delle “grandi classiche” grazie alla vittoria di Verbier, in Svizzera.

Commenti