A Vimercate le casette dell’acqua fanno tris

In città è la terza casa dell’acqua, ma è la prima installata in una frazione.  Si trova in via don Lualdi, a Ruginello di Vimercate. Realizzata da BrianzAcque...

1206 0
1206 0

In città è la terza casa dell’acqua, ma è la prima installata in una frazione.  Si trova in via don Lualdi, a Ruginello di Vimercate. Realizzata da BrianzAcque in condivisione con l’Amministrazione Comunale, è ufficialmente entrata in funzione questa mattina, lunedì 5 Giugno.

Festosa la cerimonia del tradizionale taglio del nastro con la partecipazione degli alunni della vicina scuola Ungaretti  che all’inizio dell’anno scolastico avevano ricevuto in dono le borracce “green”  di BrianzAcque.

Ha affermato il Presidente e AD di BrianzAcque, Enrico Boerci:“Siamo davvero felici di inaugurare questo chiosco alla presenza di tanti bambini che avranno poi modo di usufruirne con le loro famiglie contribuendo così alla diffusione di una nuova cultura  a tutela dell’acqua  e di una nuova coscienza ambientale a protezione del pianeta”.

“Ringrazio BrianzAcque per avere dato la possibilità di installare la terza casetta dell’acqua a Vimercate”, dichiara Francesco Cereda, Sindaco della Città di Vimercate. “Un investimento che proseguiremo per diverse ragioni. In primo luogo la qualità dell’acqua: la casetta eroga acqua buona, controllata, fresca, sia liscia che gassata. In secondo luogo la sostenibilità ambientale, dal momento che riempire bottiglie d’acqua alla casetta vuol dire risparmiare la plastica della bottiglia, lo smog dei camion che distribuiscono l’acqua e quindi meno rifiuti e meno inquinamento”.

Come gli altri due presenti a Vimercate in via Carnia e in via Cremagnani e tutti gli altri novanta dislocati lungo il territorio di Monza e Brianza, il distributore eroga H2O gratis nelle versioni liscia e gassata, fresca e  a temperatura ambiente.  

Sempre in funzione, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno e collocati in un luoghi strategici, i self service di ’”oro blu” contribuiscono a ridurre il consumo di bottiglie di plastica monouso e ad abbattere l’inquinamento legato alla produzione, al trasporto e allo smaltimento di contenitori e packaging.

La risorsa idrica distribuita è la stessa a km.0 che esce dal rubinetto attraverso la rete dell’acquedotto, affinata da un sistema supplettivo di filtraggio così da renderla più gradevole al palato, senza comprometterne le preziose caratteristiche chimico-fisiche.

Un’acqua buona e più che sicura perché controllata da rigorose e frequenti analisi eseguite dai laboratori “accreditati” di BrianzAcque.   Per conoscere la composizione dell’H2O distribuita e i consumi di ogni singola postazione, basta collegarsi al sito www.brianzacque.it,sezione “case dell’acqua”.

A breve, queste informazioni saranno disponibili anche direttamente sul monitor della postazione smart, su cui compariranno insieme ad altri dati e notizie utili alla cittadinanza.

Nell’effettuare i rifornimenti si chiede agli utenti senso di responsabilità e il rispetto delle norme igienico sanitarie.

Al termine dell’inaugurazione, BrianzAcque ha donato ai bambini copie di fumetti didattici sul tema dell’acqua pubblica e agli adulti bottiglie in vetro da utilizzare per far rifornimento al chiosco idrico.

Condividi

Join the Conversation