A Roncello liberata cagnolina reclusa

A Roncello una piccola cagnolina era tenuta reclusa su un piccolo balcone. Il povero animale non aveva accesso in casa e dall’esterno non si vedevano ciotole per il...

315 0
315 0

A Roncello una piccola cagnolina era tenuta reclusa su un piccolo balcone. Il povero animale non aveva accesso in casa e dall’esterno non si vedevano ciotole per il cibo e per l’acqua ma erano chiari i segnali di disagio, come giornali e stracci fatti a brandelli. 

Dopo le segnalazioni di privati cittadini, che facevano riferimento a un cane, di razza american staffordshire terrier, il Nucleo Antimaltrattamento dell’ENPA di Monza e Brianza, si recava subito sul posto e dai balconi adiacenti verificava l’effettiva presenza del cane, senza però riuscire a contattare il proprietario che era al lavoro. Finalmente rintracciato i volontari dell’ENPA hanno potuto constatare che l’amstaff, una femmina di circa un anno di età, non aveva microchip, anche se per fortuna era in discrete condizioni, non sottopeso né disidratata.

Il luogo di detenzione non rispettava né le normali esigenze di benessere di un animale, che era esposto al sole e alle intemperie, né la normativa vigente, e il proprietario ha confermato che il cane, preso a suo dire “per il bimbo”, usciva poco anche perché poco abituato al guinzaglioIl Nucleo Antimaltrattamento ha invitato con fermezza il proprietario a non prendere più nessun animale e ha quindi portato la cucciolona al canile di Monza, dove è stato battezzata “Grandine” perché recuperata proprio nel corso di una violenta grandinata. Qui, dopo essere stata vaccinata, sverminata e microchippata, è stata sottoposta a una valutazione comportamentale (non le era stata impartita alcuna educazione e non conosceva l’inibizione al morso) e a un percorso formativoDopo circa un mese di permanenza al canile, Grandine ha trovato una famiglia tutta per lei: una coppia, con esperienza di cani di questo tipo, che al termine del necessario percorso di avvicinamento in canile ha deciso di portarla a casa con sé.

In Italia l’American Staffordshire ha registrato nel 2018 ben 4247 esemplari e chissà quanti sono quelli privi di certificato genealogico, spesso risultato di sempre più numerose cucciolate casalinghe, che sono ormai un business senza controlloPer quanto riguarda il pitbull, non esiste una statistica non essendo una razza riconosciuta, ma senza dubbio amstaff e pitbull sono di gran moda, piacciono per l’indubbia prestanza fisica ma purtroppo, sempre più spesso, vengono presi con troppa leggerezza e ignoranza delle loro caratteristiche di razza e delle loro esigenze. Passati i primi mesi di entusiasmo, quando comincia a venir fuori il forte temperamento tipico dell’adulto, questi cani diventano un problema di cui liberarsene al più presto.

Nel canile di Monza ci sono tantissimi “bulli” (Tarzan, Fofi, Anubi, Cupido, Poldo, Boero, Bedrock, Queen, Giove, Brunello, Sheldon, Chumba e i cuccioli Blink e Bizkit) e altrettanto numerose sono le richieste di cessione a cui facciamo fatica a far fronte. ENPA Monza e Brianza sottolinea l’importanza di un’adozione consapevole: prima della scelta, quindi, è bene conoscere e prendere quante più informazioni su queste razze, che sanno essere tanto ingestibili nelle mani sbagliate quanto meravigliose in quelle giuste. E se qualcuno di voi sta facendo un pensierino all’adozione di uno dei nostri “bulli”, il percorso formativo con le nostre bravissime educatrici è gratuito.

Condividi
monza in diretta

Join the Conversation