Il Monza di Berlusconi: il sogno è già un incubo

È già diventato un incubo il sogno di un Monza in serie A, trascinato sulla via della roboante gloria calcistica dal duo Berlusconi-Galliani? In molti...


834 0
834 0

È già diventato un incubo il sogno di un Monza in serie A, trascinato sulla via della roboante gloria calcistica dal duo Berlusconi-Galliani? In molti se lo chiedono, anche coloro che in buona fede si erano mostrati subito entusiasti all’idea di un Monza finalmente libero dal provincialismo e con prospettive da “grande” del calcio italiano.

Per il momento invece sta accadendo tutto il contrario. Da quando Silvio e Adriano hanno preso per mano il sodalizio di via Ragazzi del ’99, il Monza non è più riuscito a vincere e ha raggranellato solo due punticini in cinque partite. Due pareggi e tre sconfitte, arrivate dopo un ottimo inizio di campionato con il Monza vincente nelle prime tre partite di Lega Pro. Ora invece è crisi nera. E chi ne ha fatto le spese è il buon Zaffaroni, che ha saputo in questi anni dimostrare ampiamente il suo valore, sostituito da un Cristian Brocchi che come allenatore si è dimostrato finora specialista nell’essere esonerato.

Sulla pagina ufficiale Facebook del Monza i commenti della maggioranza dei tifosi si prestano a pochi dubbi, la cacciata di Zaffaroni è stata “una decisione sbagliata e ingiusta”.  La stampa nostrana sostiene che i giocatori non abbiano saputo affrontare il cambio di mentalità e la pressione mediatica conseguente al passaggio di proprietà. Chi vivrà vedrà chi ha ragione e chi ha torto, per il momento ci auguriamo che Brocchi sappia raddrizzare la baracca e riportare il Monza in vetta alla classifica.

Commenti