A Misano la finalissima del Porsche Club GT

Il Porsche Club GT è pronto per la finalissima 2022 in programma sabato 5 e domenica 6 novembre al Misano World Circuit. Il sesto e ultimo round stagionale...

766 0
766 0

Il Porsche Club GT è pronto per la finalissima 2022 in programma sabato 5 e domenica 6 novembre al Misano World Circuit. Il sesto e ultimo round stagionale sarà il Porsche Club GT Festival, che per il prestigio dell’appuntamento celebra la speciale occasione del turno di qualifiche in notturna al sabato e prevedendo punteggi raddoppiati assegnerà tutti i titoli in palio del monomarca tricolore “a colpi” di giri veloci in stile time-attack.

Porsche Club

Nella supersfida decisiva le 911, Cayman e Boxster da pista e stradali riaccendono i motori per confrontarsi su uno dei circuiti più tecnici e adrenalinici che già nel precedente stagionale di giugno, quando a metà campionato il Porsche Club GT disputava il terzo round, aveva visto i protagonisti delle varie categorie in bagarre sul filo dei centesimi.

Promossa dal Porsche Club Umbria sotto l’egida di ACI Sport, per la resa dei conti finale la serie nazionale presenta trenta iscritti al via dei cinque turni da 25 minuti in programma a Misano, a iniziare dalle prove di sabato alle 16.25 e alle 20.25, per la prima volta in notturna a fari e riflettori accesi. Domenica la rincorsa ai titoli nelle tre gare delle 8.30, 11.40 e 16.10, tutte disponibili in diretta su Ms Motor Tv (canale 229 di Sky) e in web streaming sui canali youtube e facebook del Gruppo Peroni Race, organizzatore del weekend. La classifica di ogni categoria scaturisce dalla somma dei due migliori tempi (la peggiore delle tre gare viene scartata) e il giro più veloce vale un ulteriore bonus di punti (info: www.porscheclubumbria.com).

“Ci siamo – dichiara Diego Locanto, presidente del Porsche Club Umbria -, siamo arrivati al Festival, che quest’anno prevede punti doppi per chiudere tutte le categorie, dove è ancora quasi tutto aperto visto che molti piloti si giocheranno la vittoria o il podio assoluto e quindi anche il montepremi messo in palio dai nostri partner. Anche quest’anno il format è risultato eccellente e prevediamo di confermare al più presto sia le novità sia il calendario della prossima stagione.”

Nelle attesissime categorie “racing”, la DSW 991 Cup è ancora una volta terreno fertile per le new-entry, a conferma anche del valore propedeutico del campionato, nel quale sono sempre più i piloti in grado di confrontarsi al volante delle attuali e potenti 911 GT3 Cup da pista (circa 500 cavalli) dopo le esperienze vissute con le Porsche stradali. In gruppo le novità di Misano sono il driver pugliese Ilario Introna, proveniente e già vincente in Goodyear GT3 RS, e Alfredo Franceschi, il giovane bolognese due volte vincitore in Tubi Style GT3 (Mugello e Vallelunga) e sempre più ambizioso in ottica futura.

Al via ci sarà anche il coach di Franceschi, l’esperto Sergio Negroni, altro bolognese al rientro nel monomarca. Misano profuma già di titolo per il pilota valdarnese Daniele Polverini, che arriva all’ultima gara forte di tre successi (Franciacorta, Vallleunga e Mugello) e della leadership in classifica. Promette scintille il duello per il podio finale fra il driver romano Marco Santanocita e il genovese Stefano Spinaci, entrambi alla prima stagione tra le “Cup”, così come l’altro ligure Fabio Simonassi, pronto a inserirsi nella sfida. In azione tornano anche l’esordiente viterbese Antonio Fossati, che proprio a Misano in giugno aveva marcato la prima presenza, e l’emiliano Alessandro Revello.

Nella classe Sparco 997 Cup, con le 911 GT3 Cup meno recenti e le evolute Cayman GT4 Clubsport, per la conferma del titolo manca una manciata di punti al trentino campione in carica Emiliano Formaini a fronte del bravo gentleman driver bresciano Dario Peroni e degli insidiosi rivali milanesi Martino Rigo e Francesco Guidi (entrambi su Cayman).

Fra le Porsche stradali, nella Goodyear GT3 RS l’attuale leader Aldo Grossi, vincitore a Misano già in giugno, ritorna per chiudere i conti. Al volante della “992 GT3”, modello equiparato alle “991 GT3 RS”, il pilota milanese precede in classifica il sempre più incisivo pugliese Giuseppe D’Agosto, ma alla rincorsa al podio finale partecipano pure il ligure Edoardo Della Rocca, il romano Antonello Grossi e il sardo Antonello Medde, mentre la novità è il barese Antonio Mancini.

L’“upgrade” di Franceschi in DSW 991 Cup delinea la situazione fra le 911 GT3 della Tubi Style GT3, dove il pratese Davide Zumpano sancirà la conferma del titolo di campione. Ai gradini del podio puntano quindi sia il bolognese Gianluca Preziosa, esordiente in stagione e in top-5 proprio a Misano, e con un modello GTS l’outsider pugliese Francesco Cantatore.

Tre le Cayman della Panta GT4 è l’ora della resa dei conti tra i due grandi protagonisti della stagione: il bolognese e vicecampione 2021 Vincenzo Formato, che vinse il duello diretto a Misano in giugno, e il bergamasco Enrico Zanchi, rientrato in piena lotta per il titolo grazie al successo messo a segno nello scorso round al Mugello. Pronto a rinsaldare il terzo posto è l’outsider piacentino Luigi Podestà. Al via anche il sardo Nicola Vacca e Alessandro Greco, alla seconda presenza con un modello 718 Spyder, mentre con una versione GTS della Cayman è all’esordio assoluto l’altoatesino Christian Gross. Infine, titolo in arrivo in Entry Level/Historic per l’attuale capoclassifica Devid Vesprini su “997 S”.

Condividi

Join the Conversation