Sgomberato campo nomadi abusivo a Nova Milanese

Un campo nomadi abusivo a Nova Milanese è stato sgomberato giovedì mattina dalle forze dell’ordine. La Provincia di Monza e Brianza, nei mesi scorsi aveva denunciato l’occupazione illecita ed abusiva,...

430 0
430 0

Un campo nomadi abusivo a Nova Milanese è stato sgomberato giovedì mattina dalle forze dell’ordine. La Provincia di Monza e Brianza, nei mesi scorsi aveva denunciato l’occupazione illecita ed abusiva, per mezzo di precari sistemi abitativi mobili ed immobili da parte di un gruppo di 16 persone dell’area sulla Strada provinciale 131 nelle vicinanze dell’area campestre ciclabile verso la rotatoria di via Galvani (sul confine con Muggiò) .

La situazione di abusivismo ha causato degrado di tutta l’area coinvolta con conseguenze sulla salute pubblica. Anche il Servizio Igiene e servizi pubblici Ats Brianza, in data 28 Febbraio, ha dichiarato l’inabitabilità delle baracche, della roulotte e dei container sollecitando l’allontanamento degli  abitanti e il ripristino  del suolo.

Giovedì mattina nell’area di Nova Milanese è scattato il blitz  con l’ausilio di 20 Carabinieri, 7 agenti di Polizia Provinciale, 5 agenti di polizia locale. Sul posto anche una ambulanza e l’allerta dei servizi sociali comunali.

Dopo l’allontanamento delle persone, i tecnici del servizio strade e patrimonio della Provincia hanno coordinato la fase di ripristino per liberare l’area dai rifiuti più pericolosi e chiudere gli accessi.

I lavori sono stati condotti da una impresa incaricata che, con un autocarro munito di gru, ha collocato lungo le due stradine di accesso veicolare di  New Jersey (2 da 6 metri e 4 da 4 metri). Con un escavatore sono stati realizzati degli scavi in trincea sulla delimitazione dell’area all’insediamento.

Saranno necessari ulteriori interventi già pianificati per i prossimi giorni per effettuare la completa pulizia dell’area, la selezione dei materiali rinvenuti, il carico, il trasporto ed il conferimento, con idonei mezzi d’opera, presso il termovalorizzatore di Desio.

Condividi

Join the Conversation