Monza, elicotteri in volo per l’operazione Malcom

Venerdì 17 luglio a Monza, Seregno (MB), Seveso (MB) e Busto Arsizio (VA), i Carabinieri dei Nuclei Operativi Elicotteri di Bergamo, delle Compagnie CC di Tortona (AL) e...

570 0
570 0

Venerdì 17 luglio a Monza, Seregno (MB), Seveso (MB) e Busto Arsizio (VA), i Carabinieri dei Nuclei Operativi Elicotteri di Bergamo, delle Compagnie CC di Tortona (AL) e Novi Ligure (AL) e del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo CC di Alessandria, grazie anche al supporto logistico fornito dalle Compagnie di Monza e Seregno, a conclusione di complesse e articolate indagini, hanno rintracciato e sottoposto a fermo di indiziato di delitto 9 persone, tra cui una donna, e arrestando una decima persona, tutte di nazionalità rumena, di età compresa tra i 21 e i 48 anni, ritenute appartenenti ad un sodalizio criminale dedito alla commissione di furti e rapine in tutto il Nord Italia e, in particolare, ai danni di negozi di apparati telefonici e informatici posti all’interno di ipermercati e centri commerciali.

Le indagini, erano state avviate da un furto di telefoni cellulari commesso ai danni di un centro commerciale di Tortona, a seguito del quale è stato possibile individuare questo sodalizio criminale responsabile, oltre che di questo fatto, anche quello di 3 rapine di cellulari e autovetture, 7 furti, tra tentati e consumati, sempre aventi nel mirino costosi smartphone e autovetture, nonché di numerosi episodi di ricettazione del materiale rubato.

Quattro le persone sottoposte a fermo su decreto emesso dal P.M. della Procura di Alessandria, Dr. Andrea Trucano, individuate mentre cercavano di occultare circa 200 tra telefoni cellulari e tablet – risultati provento dell’ennesima spaccata commessa alle 02.40 precedenti ai danni del negozio “Euronics” sito all’interno del centro commerciale “Auchan” di Cesano Boscone (MI) – e cinque quelle fermate d’iniziativa dai militari operanti, sorpresi all’interno dell’insediamento di nomadi di via della Offelera di Monza: tra di essi è stata bloccata una donna sorpresa dai Carabinieri di Seregno mentre si stava apprestando ad abbandonare il territorio nazionale per rifugiarsi nel Paese di origine.

Al riguardo, particolare cenno merita quanto accaduto in occasione dell’irruzione presso il campo nomadi di Monza, quando tutti i presenti hanno cercato di dileguarsi dalle finestre delle abitazioni, venendo subito bloccati ad eccezione di uno che riusciva momentaneamente a darsi alla fuga.

L’uomo veniva però rintracciato, poco distante, dall’equipaggio dell’elicottero del 2° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Bergamo – Orio al Serio, opportunamente impegnato a fornire la copertura aerea al dispositivo attuato a terra dai colleghi della Compagnia di Monza.

Il pilota riusciva s seguire il fuggitivo sino a quando questi, raggiunta un’area campestre, si è visto piombare addosso il velivolo che, in totale sicurezza, è riuscito ad atterrare a pochi metri da lui. A questo punto due militari componenti l’equipaggio, prontamente scesi, lo raggiungevano, bloccandolo e consegnandolo, poco dopo, ai colleghi a terra che lo stavano inseguendo: l’uomo risultava colpito da precedente provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dall’Autorità Giudiziaria di Cremona.

Oltre alla citata refurtiva, del valore di oltre 50mila euro, subito restituita agli aventi diritto, nel corso delle operazioni veniva altresì recuperata un’autovettura Range Rover Evoque, condotta da uno dei fermati e con a bordo un suo connazionale 24enne deferito in stato di libertà per ricettazione, risultata rubata il 13 luglio in provincia di Brescia.

Venivano invece rinvenuti e sequestrati, nella disponibilità dei fermati e dell’arrestato, numerose mazze ferrate, flessibili e altri attrezzi atti allo scasso, nonché abbigliamento vario utilizzato per il travisamento.

Condividi

Join the Conversation