Media mobile, cos’è e come utilizzarli negli investimenti

Il mondo degli investimenti è in rapida ascesa e si sta diffondendo anche tra utenti fai da te, i cosiddetti retail, trader non professionisti che vanno ad ingrossare...

418 0
418 0

Il mondo degli investimenti è in rapida ascesa e si sta diffondendo anche tra utenti fai da te, i cosiddetti retail, trader non professionisti che vanno ad ingrossare le file di chi tenta la sorte sui mercati. Il che è certamente vantaggioso, a patto di tenere bene a mente la necessità di eseguire ogni operazione con cognizione di causa.

Informare e formarsi prima di investire è fondamentale, così come sperimentare e andare a sintetizzare una serie di tecniche utili per raggiungere tale scopo. Una delle più utili in questo senso è la media mobile, particolarmente diffusa tra addetti ai lavori e non; in linea generale si parla di un indicatore basilare di analisi tecnica utilizzato soprattutto per determinare i movimenti dei prezzi dei diversi asset. Cerchiamo di capire meglio come funziona basandosi sulle informazioni riportate dal sito corsoforextrading.net.

Media mobile, come funziona?

Una media mobile è un algoritmo su base matematica che va a circoscrivere un indicatore di sintesi dei prezzi presi in esame. Il tutto si basa su una formula matematica tramite la quale si vanno a prendere in esame specifici intervalli di tempo che vanno poi calcolati in modo matematico per offrire una media dei propri valori.

Portando il tutto ad una dimensione più umana e meno tecnica, in che modo può essere utilizzato questo strumento da parte degli investitori non professionisti?

Utilizzando la media mobile, quando il valore preso a riferimento supera la linea di media mobile in una direzione rialzista, è un segnale di acquisto. Viceversa, se la stessa linea scavalla la media mobile al ribasso, può essere interpretato come segnale di vendita.

Questo ovviamente, in linea generale e come indicazione di massima: perchè poi nel concreto non possono esistere indicatori che diano la sicurezza della bontà o meno di un investimento. Che per sua definizione presenta sempre un fattore di rischio.

Attenzione ad utilizzare strumenti di previsione

Un fattore che deve essere tenuto nella massima considerazione, soprattutto se non si è investitori professionisti. Gli strumenti di previsione vengono spesso interpretati alla stregua di oracoli, quindi come indicazioni incontrovertibili: in realtà si tratta di indicatori per l’appunto, elementi che non hanno, e non possono avere in alcun modo, la pretesa di essere verità assolute.

Chi opera sui mercati in modo professionale conosce bene questa dinamica ed è conscio del fatto che può basarsi su tali parametri per avere indicazioni di massima; il monito è, casomai, per i trader fai da te che operano  autonomamente sui mercati.

Gli strumenti di previsione sono un corollario, ma non possono mai rappresentare un’indicazione certa.

Condividi

Join the Conversation