Lombardia in quarantena, i contenuti del decreto

Lombardia in quarantena. Con il decreto firmato nella notte dal Governo, non si potrà entrare e uscire dalla nostra regione. Le regole, oltre che per la Lombardia, valgono anche...

2125 0
2125 0

Lombardia in quarantena. Con il decreto firmato nella notte dal Governo, non si potrà entrare e uscire dalla nostra regione. Le regole, oltre che per la Lombardia, valgono anche per le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli,Padova, Treviso e Venezia.

Non saranno bloccati i treni e all’interno dei territori sarà possibile muoversi per comprovate esigenze lavorative o motivi di salute. Le forze dell’ordine potranno però fermare le auto e chiedere i motivi del viaggio. Tutte le scuole saranno chiuse fino al 3 aprile.

Stop a pub, sale gioco, discoteche, cinema e teatro. Bar e ristoranti dovranno chiudere alle 18 e nel resto della giornata andrà garantita la distanza di un metro fra gli avventori. Chiusi i musei e vietato ogni genere di manifestazione.

Chiuse le piscine, palestre, spa e centri benessere. Fino al 3 aprile saranno proibite tutte le cerimonie religiose, compresi matrimoni e funerali. Chi non rispetta il decreto può essere punito con l’arresto fino a 3 mesi e 206 euro di sanzione.

L’inasprimento del regime di restrizioni è dovuto principalmente alla necessità di limitare la diffusione del Coronavirus, che negli ultimi giorni, nonostante le misure già adottate, non ha accennato a fermarsi.

Misure igienico-sanitarie:
a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona;
c) igiene respiratoria (starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
d) mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro;
e) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, anche durante l’attività sportiva;
f) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
g) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
h) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
i) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
l) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate

 

Foto di iXimus da Pixabay

Condividi

Join the Conversation