Lombardia, allerta meteo con rischio di esondazioni

L'Agenzia Regionale per l'Ambiente (ARPA) suggerisce ai Presidi territoriali della Lombardia di prestare attenzione e un’adeguata attività di sorveglianza, specie in concomitanza ai fenomeni più intensi:


1014 0
1014 0

L’Agenzia Regionale per l’Ambiente (ARPA) suggerisce ai Presidi territoriali della Lombardia di prestare attenzione e un’adeguata attività di sorveglianza, specie in concomitanza ai fenomeni più intensi:

– agli scenari di rischio temporali (rovesci intensi, fulmini, grandine, raffiche di vento) soprattutto in concomitanza di eventi all’aperto a elevata concentrazione di persone e in prossimità di zone alberate, impianti elettrici, impalcature e cantieri;
– ai possibili effetti di esondazione di corsi d’acqua, con particolare attenzione ai Comuni insistenti sulle aste del reticolo idraulico nord milanese (bacini Olona – Seveso – Lambro) e del reticolo idraulico minore in concomitanza di rovesci temporaleschi intensi;

– al possibile riattivarsi di fenomeni franosi in zone assoggettate a tale rischio. Si consiglia, dove ritenuto necessario, l’intensificazione dell’attività di monitoraggio e l’attuazione di tutte le misure previste nella Pianificazione di Emergenza locale e/o specifica.

In conseguenza della previsione di MODERATA CRITICITÀ per rischio idrogeologico e temporali forti e di ORDINARIA CRITICITÀ per rischio idraulico sull’area G, è stato emesso uno specifico comunicato che segnala il passaggio alla FASE DI PREALLARME per gli scenari A (Frana di Pal) e B (Colate Val Rabbia) e la attivazione della FASE DI ORDINARIA CRITICITÀ per gli scenari C e D (Alluvione) e che rimanda alle azioni previste dalla «Pianificazione d’Emergenza provinciale per rischio Idrogeologico-Idraulico del Fiume Oglio e del torrente val Rabbia».

Commenti