Giussano valorizza il Bosco delle Stelle

GIUSSANO – Una convenzione con durata decennale per rilanciare la valorizzazione del Bosco delle Stelle e per monitorare lo sviluppo dell’area così da creare un dialogo, anche divulgativo,...

971 0
971 0

GIUSSANO – Una convenzione con durata decennale per rilanciare la valorizzazione del Bosco delle Stelle e per monitorare lo sviluppo dell’area così da creare un dialogo, anche divulgativo, sempre più stretto con la città di Giussano.

La Giunta Comunale ha sottoscritto un contratto di comodato d’uso gratuito con l’impresa sociale Rete Clima, accogliendo la proposta di collaborazione che, a costo zero per le casse comunali, consentirà di dare nuovo slancio all’intervento di forestazione urbana avviato nel 2012 nell’area compresa fra via Fermi e via della Gibbina.

“Il percorso di valorizzazione del Bosco delle stelle è un tassello importante nell’ambito dell’attenzione al verde pubblico, patrimonio straordinario del nostro territorio – afferma Giacomo Crippa, assessore con delega all’Ambiente – Attraverso questa nuova convenzione, garantiamo al Bosco la meticolosa attenzione di Rete Clima che se ne saprà prendere cura in ogni suo aspetto naturalistico. Ma c’è di più: l’obiettivo è quello di far sì che il Bosco delle stelle, il cui nome venne dato dagli alunni della scuola dell’infanzia, divenga un polo di educazione ambientale dove i più piccoli possano scoprire la biodiversità presente nella nostra città e possano essere guidati alla scoperta di piante, fiori e animali che questo spazio lo vivono e lo fanno vivere”.

IL NUOVO SCENARIO
Attraverso la nuova convenzione sottoscritta dall’Amministrazione Comunale, Rete Clima si occuperà della gestione e della cura del bosco di neoformazione, in modo da mantenerlo in buono stato di manutenzione. Nel dettaglio, a carico dell’impresa sociale sono previsti cinque interventi annui di sfalcio dell’erba nelle zone perimetrali dell’area interessata dalla forestazione, lo studio dell’effetto ecosistemico della forestazione, l’analisi del suolo, della flora e della successione forestale, il monitoraggio della presenza di animali selvatici, avifauna e entomofauna utile.

Saranno inoltre programmati interventi di miglioramento forestale con lo scopo di migliorare la biodiversità ed è previsto il completamento della segnaletica con l’inserimento di un pannello informativo con una specifica infografica riportante dettagli botanici ed ecologici della forestazione fra cui il numero di piante messe a dimora, le specie, e l’estensione dell’area.

Nell’ambito dell’accordo, Rete Clima sarà impegnata anche in azioni di comunicazione e divulgazione, destinate al territorio, con aggiornamento sullo sviluppo del bosco e dei monitoraggi realizzati.

COME NASCE IL BOSCO DELLE STELLE
Si tratta di uno spazio di circa 9.500 metri quadrati dove, grazie ad una precedente convenzione che già vedeva coinvolta Rete Clima, era stato avviato un progetto di forestazione urbana con la messa a dimora di circa mille alberi.

Il progetto, in parte finanziato dal premio Forest Skill e in parte da aziende private, è stato realizzato secondo il protocollo #forestazioneitaliana di ReteClima che ha lo scopo di garantire standard tecnici e qualitativi per realizzare boschi urbani di qualità.

Negli scorsi anni, il progetto del Bosco delle stelle (il cui nome venne dato dagli alunni della Scuola dell’Infanzia Piccola Tracce, nel 2012) è stato più volte presentato all’interno di meeting e di forum nazionali, come buona pratica di forestazione urbana e come esempio concreto e virtuoso di partnership tra pubblico e privato, nell’ambito della strategia nazionale per lo sviluppo delle aree verdi urbane ed in particolare di forestazioni urbane.

Condividi

Join the Conversation