Furto di cibo per animali, arrestati due fratelli

MEDA – Sono stati traditi dall’uniforme da lavoro i due fratelli che nel mese di aprile si erano resi responsabili di un furto di alimenti per animali in...

345 0
345 0

MEDA – Sono stati traditi dall’uniforme da lavoro i due fratelli che nel mese di aprile si erano resi responsabili di un furto di alimenti per animali in un negozio di Meda.

Lo scorso 28 aprile infatti un 37enne di origini cinesi, titolare di un negozio a Meda in via Tre Venezie, si era presentato nella caserma dei carabinieri per denunciare il furto di numerosi pacchi di alimenti per animali del valore complessivo di diverse centinaia di euro.

In particolare, la vittima aveva raccontato che, quella mattina, si erano presentati al negozio due soggetti sulla quarantina che erano interessati a effettuare degli acquisti. Gli stessi avevano parcheggiato la loro autovettura, una Citroën C3 in prossimità dell’ingresso del magazzino dell’esercizio, non distanti da un bancale di cibo per animali, appena consegnato e ancora imballato. I due poi, approfittando di un attimo di distrazione della vittima, dopo aver strappato con un taglierino la pellicola che avvolgeva l’imballaggio, erano riusciti a caricare nel bagagliaio della macchina numerosi pacchi per poi allontanarsi repentinamente per le vie limitrofe a bordo del mezzo.

carabinieri della stazione di Meda, raccolta la denuncia, avevano immediatamente acquisito le immagini dell’impianto di video sorveglianza per provare a identificare gli autori o, quantomeno, individuare il numero di targa dell’autovettura. La visione delle registrazioni però, a causa della scarsa qualità dei video e per inquadrature non favorevoli, non aveva dato i risultati sperati.

Nei giorni successivi, visionando nuovamente i video, nonostante la bassa risoluzione, era emerso che uno dei due uomini aveva indosso una giacca mimetica con la scritta “sicurezza” all’altezza delle spalle. La stessa veniva poi tolta pochi istanti prima di risalire a bordo della macchina. Lì, per un brevissimo frangente, si vedeva che l’uomo indossava una maglietta polo di colore celeste che sul retro riportava la vistosa scritta “staff” e che lasciava intravedere la presenza di vistosi tatuaggi sulle braccia.

I militari, ipotizzato che si potesse trattare di una delle numerosi agenzie che offrono servizi di vigilanza e sicurezza privata, sono riusciti a risalire a una società con sede nel milanese e, visionate le schede dei dipendenti, hanno individuato proprio uno degli indagati: un 42enne residente a Paderno Dugnano pluripregiudicato per reati contro il patrimonio.

Muovendo dell’identificazione del primo indagato, grazie alla collaborazione dei carabinieri di Paderno Dugnano, è stato poi identificato anche il complice: il fratello 47enne, anch’egli pluripregiudicato per reati contro il patrimonio.

Conclusi gli accertamenti di polizia giudiziaria, nella giornata di ieri i due sono stati denunciati in stato di libertà per furto aggravato in concorso e, rinviati a giudizio, andranno ancora una volta a processo.

Condividi

Join the Conversation