Coronavirus, mozione chiede di sostenere economia lombarda

Via libera all’unanimità dal Consiglio Regionale a una mozione che chiede misure di sostegno alle attività economiche penalizzate dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus. In merito sono...

195 0
195 0

Via libera all’unanimità dal Consiglio Regionale a una mozione che chiede misure di sostegno alle attività economiche penalizzate dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus. In merito sono intervenuti i consiglieri regionali brianzoli della Lega, Alessandro Corbetta, Marco Mariani e Andrea Monti.

“Viviamo una situazione emergenziale e Regione Lombardia – spiegano i consiglieri regionali – sta disponendo tutte le proprie forze per fronteggiare la crisi, tenendo conto di come il punto fermo resti la salute dei lombardi.

Le misure poste in essere sono necessarie e indispensabili per contrastare la diffusione del virus e i lombardi, come ribadito stamane il Presidente Fontana, stanno affrontando questa prova con grande serietà e compostezza.

D’altro canto non possiamo ignorare come, specie nella zona rossa, le limitazioni avranno un impatto economico di grande rilievo, specialmente per le attività economiche e commerciali.

A questo punto ci aspettiamo che il Governo nazionale mantenga la parola data, ponendo in essere tutte le misure necessarie a sostenere i nostri imprenditori. Non ci accontentiamo degli spiccioli ma chiediamo interventi mirati e importanti”.

La mozione approvata dall’Aula chiede, oltre all’esenzione dai tributi per attività e liberi professionisti colpiti dalle ordinanze, anche il sostegno agli esercenti nei settori della somministrazione di cibi e bevande e dell’intrattenimento, risarcimenti per le imprese operanti nell’ambito delle agenzie di viaggi e del turismo e per gli operatori del settore fieristico.

“Più in generale  – proseguono i consiglieri  – occorre strutturare un piano di aiuti per tutte le famiglie e le realtà economiche e imprenditoriali che in qualche modo siano risultate penalizzate in via diretta o indiretta dalle ordinanze”.

La Lombardia ha dato tanto, anzi tantissimo, a questo Paese in termini economici e non solo, adesso è arrivato il momento che lo Stato faccia il suo dovere nei confronti dei lombardi. Al premier Conte, che non ha avuto nemmeno il coraggio di farsi vedere in Lombardia, chiediamo di dimostrarsi all’altezza del ruolo che ricopre almeno una volta, evitando di infangare il lavoro di tutto il personale e dei volontari che stanno gestendo l’emergenza sul nostro territorio.”.

La mozione approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale della Lombardia prevede, fra i provvedimenti richiesti, anche una misura specifica relativa ai medici di base. Si tratta di una proposta che è stata inserita nella mozione per volontà del consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta, a seguito proprio di istanze pervenute dai medici di base della Brianza.

“La nostra richiesta – spiega Corbetta – si fa portavoce delle esigenze dei medici di base e ha come obiettivo la maggiore sicurezza sanitaria sia per i dottori che per i loro pazienti, oltre che evitare il sovraffollamento degli ambulatori medici”.

“Il punto contenuto nella mozione – continua il consigliere regionale – chiede infatti di prevedere, in via transitoria, la possibilità per i medici di rilasciare le certificazioni di malattia per i dipendenti con sintomi influenzali o simili, permettendo di effettuare visite telefoniche senza quindi che i pazienti si debbano recare fisicamente dal medico di base”.

“Una misura che si rende necessaria e vogliamo limitare l’affollamento di persone con sintomatologia influenzale nelle sale d’attesa dei medici di base, con gli evidenti rischi di contagio. ”.

“Ci aspettiamo che il Governo deroghi la legge nazionale in questa situazione emergenziale. Il provvedimento infatti permetterebbe ai pazienti di poter rimanere a casa dal lavoro, ottenendo il certificato medico, senza dover fisicamente recarsi in studio e diminuendo così, anche per questo motivo, i rischi di diffusione delle malattie”.

Condividi

Join the Conversation