Regione Lombardia a sostegno delle donne vittime di violenza

“Una donna che non denuncia per paura e perché non si sente tutelata è una battaglia persa da tutti noi. Nel 2018 nel nostro Paese...


229 0
229 0

“Una donna che non denuncia per paura e perché non si sente tutelata è una battaglia persa da tutti noi. Nel 2018 nel nostro Paese abbiamo dovuto registrare ancora troppi femminicidi, violenze e aggressioni”. Interviene così Silvia Scurati, consigliere regionale della Lega, in merito alla Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, che ha visto oggi tutti i consiglieri regionali lombardi indossare nell’aula del Pirellone la maglietta con l’hashtag #nonseidasola.

“Episodi gravissimi – prosegue Scurati – perché la violenza sulle donne ha mille sfumature e avviene in molti modi, sia morali che fisici. La rete diventa quindi importante così come la prevenzione e Regione Lombardia, anche con le iniziative legate al progetto #nonseidaola, si conferma in prima linea accanto alle donne.

Accogliamo poi con favore quanto dichiarato dal Ministro dell’Interno, Matteo Salvini,  che ha avanzato la proposta di introdurre un bollino rosso per le denunce di stalking e nei casi di violenza contro le donne”.

In gioco c’è la vita di una persona: per questo oltre a pene certe vi deve essere anche la certezza che segnalazioni di questo tipo debbano avere la priorità”.

“Una piena collaborazione tra Regione Lombardia e Governo nazionale – conclude la rappresentante del Carroccio – potrà pertanto concretizzare iniziative importanti per sconfiggere una piaga terribile, riaffermando il rispetto della persona anche con il coinvolgimento dei più giovani e respingendo con forza modelli culturali dove la donna ancora oggi viene considerata come un oggetto”.

Nella foto i consiglieri regionali Silvia Scurati, Gigliola Spelzini, Andrea Monti e Floriano Massardi

Commenti