Quando Guidi, Guida e basta! (VIDEO)

“Quando Guidi, Guida e basta”. Il claim della campagna sulla sicurezza stradale promossa da Anas (Gruppo Fs italiane), in collaborazione con la Polizia di...


374 0
374 0

“Quando Guidi, Guida e basta”. Il claim della campagna sulla sicurezza stradale promossa da Anas (Gruppo Fs italiane), in collaborazione con la Polizia di Stato e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è diventata una canzone con interpreti d’eccezione.

Due voci, quella del cantautore Carlo Fava, che ne ha composto anche la musica, e quella del giornalista Paolo Liguori, raccontano – con delicato umorismo, al ritmo di Bossa nova – di una vita che non c’è più, passando in rassegna una serie di cattive abitudini al volante.

 

Una carrellata di comportamenti da evitare rigorosamente mentre si è alla guida di un veicolo, che Anas ha deciso di trasporre in immagini realizzando un videoclip interpretato dall’attore Lele Vannoli che racconta con  amara ironia le conseguenze allarmanti  e che possono derivarne.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare gli utenti della strada a essere prudenti e concentrati mentre si è al volante.

Il testo della canzone, scritto da Gianluca Martinelli, vuole affrontare con apparente leggerezza un tema attuale come quello della distrazione alla guida e richiamare l’attenzione sull’importanza di una guida attenta che non metta in pericolo la propria incolumità e quella degli altri.

Il numero delle vittime sulle strade, secondo i dati Istat, nel 2016 aveva finalmente registrato una battuta d’arresto, con 145 deceduti in meno rispetto al 2015. Nel 2017 l’incidentalità, rilevata da Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri, ha evidenziato invece una preoccupante inversione di tendenza, con un aumento degli incidenti mortali dell’1,4% (22 in più del 2016, da 1.547 a 1.569) e, soprattutto, delle vittime del 2,7% (45 deceduti in più, da 1.665 a 1.710).

Tra le cause principali di incidentalità la distrazione resta quella principale. Sono aumentate infatti le infrazioni dovute all’uso improprio dello smartphone che impedisce di mantenere lo sguardo sulla strada e le mani sul volante, interferendo pericolosamente sui tempi di reazione e sull’attenzione dei conducenti, con rischi elevatissimi per la sicurezza di tutti gli utenti della strada.

Lo confermano i numeri: 65.104 sono le infrazioni commesse nel 2017 per il mancato utilizzo di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare, il 7,1% in più rispetto al 2016.

La canzone “Guida e basta”, prodotta da Carlo Fava, Gianluca Martinelli e Danilo Minotti, e il videoclip diretto da Alberto Molinari e Francesco Cabras saranno diffusi attraverso i canali social di Anas.

Commenti