Monza: un evento al giorno con il Fuorisalone 2019

Sedici eventi in sedici giorni: torna “Fuorisalone Monza 2019”, in programma dal 3 al 18 aprile in occasione del Salone Internazionale del Mobile di Milano. Un’agenda densa di...

738 0
738 0

Sedici eventi in sedici giorni: torna “Fuorisalone Monza 2019”, in programma dal 3 al 18 aprile in occasione del Salone Internazionale del Mobile di Milano. Un’agenda densa di appuntamenti, mostre e performance.

“I designer e i progettisti hanno fatto la storia di questo territorio – dichiara il Sindaco Dario Allevi. Il “FuorisaloneMonza2019” ci racconta come le imprese artigiane brianzole siano ancora all’avanguardia, affrontando ogni giorno il proprio lavoro con creatività, coraggio e determinazione. È questa la Brianza più bella e profonda, apprezzata e ammirata ogni anno durante il Salone del Mobile da migliaia di visitatori che regolarmente affollano gli stand delle aziende targate MB”.

Il «valore» del design. Il comparto del design, legno e arredo in Lombardia conta 14mila imprese con un giro d’affari di 8,7 miliardi di euro e 3 miliardi annui di scambi con l’estero su un totale italiano di 12 miliardi (Dati APA Confartigianato Milano – Monza e Brianza).

Il programma. L’Arengario, come l’anno scorso, ospiterà «Woodstreet», una mostra di elementi e complementi di arredo realizzati da venti imprese di Monza e della Brianza, in collaborazione con Confartigianato. Il design è protagonista anche ai «Musei Civici» con la mostra «Il compensato curvato – i progetti e i progettisti italiani», curata da Gabriele Radice, che ripercorre la storia di aziende e designer come Samuel Paolo Nava, Carlo Bartoli e Osvaldo Borsani che, spesso con spirito pionieristico, attraverso la tecnologia del compensato curvato hanno cambiato il modo di abitare tra gli anni Sessanta e Settanta. Una storia che parte da Monza dove lo scultore Carlo Ratti nella prima Biennale del 1923 espose in Villa Reale un mobile realizzato con il compensato curvato. E poi «omaggi» ad Achille Castiglioni, a Le Corbusier, a Fortunato Depero, al «Mamarocket», una piattaforma online per promuovere e vendere il design indipendente di qualità e Made in Italy, e al Bauhaus, il punto di riferimento fondamentale per tutti i movimenti d’innovazione nel campo del design e dell’architettura del XX Secolo.

Luci sulla Cappella Reale. Dopo il successo delle Giornate Fai di Primavera, in occasione del «FuorisaloneMonza 2019» apre di nuovo le sue porte al pubblico la Cappella Espiatoria, monumento di inizio Novecento che sorge sul luogo dove il 29 luglio 1900 re Umberto I venne assassinato dall’anarchico Gaetano Bresci. La cripta della Cappella ospiterà «Royal Lights», un’installazione luminosa di design formata da «ring» oro e argento.

Arte diffusa. Il «FuorisaloneMonza 2019» sarà anche en plein air. «M@D – Monza arte diffusa nel centro storico», in collaborazione con Leogalleries, porterà una serie di sculture in polistirene e resina di Alessandro Mendini, Marc Sadler, Marco Acerbis, Sacha Sosno e Giuseppe Spagnulo in piazza San Paolo, all’Oasi di San Gerardino, nel cortiletto di via Mantegazza, in Villa Pennati (via Frisi, 22), al «MIMUMO» (via Lambro,1), al Liceo «Nanni Valentini» e in piazza Roma. Nei suoi spazi Leogalleries esporrà oggetti e arredi realizzati dagli studenti del «Nanni Valentini» su progetti di Fortunato Depero, il «papà» del design moderno in Italia.

Il design è cultura. «Quest’anno – commenta Massimiliano Longo, Assessore alle Attività produttive e alla Cultura – abbiamo aumentato gli eventi e i luoghi per poter raccontare meglio le esperienze degli artigiani, il “motore” economico della Brianza, che ogni giorno da poche materie prime creano qualcosa di nuovo e unico. Il design è uno strumento dirompente, capace di creare luoghi e prodotti. Ma il design e l’arte sono anche cultura grazie alla loro capacità di trasformare e modificare il nostro mondo. L’obiettivo del “FuorisaloneMonza2019” è raccontare questo percorso di cambiamento culturale».

I luoghi. L’Amministrazione comunale ha costruito un programma di eventi con l’obiettivo di animare Monza attraverso 16 luoghi, pubblici e privati, protagonisti di mostre, allestimenti e performance musicali: Cappella Reale Espiatoria (via Matteo da Campione, 8), Musei Civici – Casa degli Umiliati (via Teodolinda, 4), Arengario (piazza Roma), ARCgallery (via Spalto Piodo, 10), Saletta Reale Stazione FS, Punto Arte (via Bergamo, 2), Rinascente (largo Mazzini), Boffi – De Padova – MA/U Studio (piazza San Pietro Martire, 6), MF Care Factory (via dei Mille, 9), Parafarmacia Centro Salute (via Volta, 3), Villa Contemporanea (via Bergamo, 20), Gingerine Concept Store (via Mapelli, 13b), Leogalleries (via De Gradi, 10), Paul Pak Parrucchieri (via De Gradi, 2), Sala Armonia (via Pennati, 10) e Amerigo Milano Concept Store (via Carlo Alberto, 35). Tutti gli appuntamenti e le info sono online su www.comune.monza.it.

Condividi
monza in diretta

Join the Conversation