Desio: l’acqua tornerà a scorrere nell’antica roggia di Villa Cusani Traversi Tittoni

Il conto alla rovescia è iniziato. Prenderanno il via nella prima metà di settembre i lavori per la riqualificazione della storica fontana della Roggia, che costeggia Villa Cusani...

166 0
166 0

Il conto alla rovescia è iniziato. Prenderanno il via nella prima metà di settembre i lavori per la riqualificazione della storica fontana della Roggia, che costeggia Villa Cusani Traversi Tittoni. Spenta dagli anni Ottanta, anche a causa di un impianto di pompaggio obsoleto e non più in grado di funzionare, la struttura – che ha segnato la storia della città – tornerà a zampillare nell’arco di circa due mesi.

Tutto grazie ad un’ intesa tra BrianzAcque e il Comune di Desio che, alla fine del 2020, hanno sottoscritto una convezione per la gestione e la presa in carico delle fontane pubbliche da parte della utility del servizio idrico integrato a Monza e Brianza, previa corresponsione di un canone fisso per ciascun impianto.

Con questo intervento in partnership pubblica– dichiara il Presidente e AD di BrianzAcque, Enrico Boerci – restituiremo alla comunità locale un angolo di storia e di bellezza valorizzando il bene acqua nelle sue funzioni passate, presenti e future”. 

A seguito dell’assunzione  della conduzione e della manutenzione di sei fontane desiane, la convenzione tra i due enti va ora dunque a interessare quella della Roggia, situata in via Cavalieri di Vittorio Veneto, in corrispondenza dell’accesso alla Biblioteca Civica: un canale a cielo aperto lungo circa 45 metri, rivestito in blocchi di serizzo. L’intervento è interamente finanziato dal Comune di Desio con oltre centomila euro di quadro economico, messi a disposizione con le precedenti variazioni di Bilancio.

La cifra è comprensiva di un intervento preliminare di ristrutturazione finalizzato alla rimessa in esercizio dell’opera, che ha richiesto un apposito studio da parte del settore Progettazione e Pianificazione di BrianzAcque, con anche la richiesta di autorizzazione preventiva alla Sovrintendenza dei Beni Storici e Culturali.

In sintesi, sono previsti una serie di lavori di tipo edilizio ed impiantistico come il rifacimento completo del sistema di pompe e filtraggio dell’acqua, la sistemazione del rivestimento in pietra, l’impermeabilizzazione del fondo vasca, la realizzazione di tutti i nuovi impianti elettrici e di controllo, l’installazione di un nuovo parapetto di protezione, la sistemazione del verde circostante e il prolungamento del marciapiede a lato dell’alveo dell’ex canale voluto per scopi irrigui nel lontano 1383 da Bernabò Visconti.

Quindi, la fontana potrà essere “riaccesa”, curata, pulita e sanificata costantemente come avviene per gli altri elementi di decoro urbano d’acqua presenti in città.

Condividi

Join the Conversation