Compie 20 anni il “Premio Arcobaleno” alle eccellenze brianzole

Vent’anni fa, precisamente nel 1999 di questi tempi, nasceva il “Premio Internazionale di Arte e Cultura L’Arcobaleno”, sinteticamente denominato abitualmente “Premio Arcobaleno”, ideato e realizzato...


76 0
76 0

Vent’anni fa, precisamente nel 1999 di questi tempi, nasceva il “Premio Internazionale di Arte e Cultura L’Arcobaleno”, sinteticamente denominato abitualmente “Premio Arcobaleno”, ideato e realizzato da parte del giornalista e critico d’arte Silvano Valentini e del pittore Gerry Scaccabarozzi per valorizzare le eccellenze brianzole, equiparandole a personalità, giornali, associazioni ed enti, pubblici e provati, nazionali ed europei, e dedicato a chi si distingue annualmente a livello internazionale nella propria attività a favore dell’umanità e dell’ambiente.

Nel tempo molti sono stati i premiati, tra cui in primis il Card. Carlo Maria Martini, all’epoca arcivescovo di Milano, come pure il vescovo di Novara Mons. Franco Giulio Brambilla, e poi i personaggi della musica e dello spettacolo, come Enrico Beruschi, Ettore Andenna e Katia Ricciarelli, i campioni sportivi Fiorenzo Magni, Felice Gimondi e Pierluigi Casiraghi, le associazioni come la Fondazione Brigitte Bardot per la salvaguardia degli animali, il WWF e Greenpeace, i giornali e le emittenti radio e TV come Le Figaro di Parigi, la radio Voce della Russia e l’Avvenire, e poi moltissimi altri.

Tante le location italiane e straniere di assoluto prestigio in cui si sono svolte le fasi finali della manifestazione, per esempio a Paestum in Campania, nell’Estremadura in Spagna e più volte in Francia, come da foto di una precedente edizione d’oltralpe, perfino al Louvre e alla Madeleine di Parigi, oltre naturalmente a molti luoghi della Lombardia e in particolare della Brianza, come Villa Greppi di Monticello e Villa Filippini di Besana, mentre quest’anno i premi saranno consegnati in Provenza, a Pernes-les-Fontaine, non lontano da Avignone, e successivamente anche nel Bellunese in Veneto.

Commenti