Brianzacque luce verde per la task force contro gli allagamenti

Dopo gli ultimi, violenti nubifragi che nella notte tra l’8 e il 9 Giugno e, in parte sabato scorso, si sono abbattuti  su Arcore e dintorni, BrianzAcque ha...

240 0
240 0

Dopo gli ultimi, violenti nubifragi che nella notte tra l’8 e il 9 Giugno e, in parte sabato scorso, si sono abbattuti  su Arcore e dintorni, BrianzAcque ha avviato un tavolo di lavoro permanente per far fronte comune agli allagamenti e mettere in sicurezza idraulica i territori.

A lavorare insieme, in modo sinergico e trasversale contro gli effetti delle bombe d’acqua sarà una task force composta dai gestori idrici, dai Comuni, dalla Regione, dalla Provincia, dall’Ato, dalla Protezione Civile, dai Parchi. 

Un team in grado di agire su più ambiti per un problema multilivello, che richiede l’apporto e l’impegno di tutti. Anche se il climate change presenta dimensioni glocal con fenomeni differenti a seconda di latitudini e longitudini che vanno dalla siccità alle alluvioni, in Brianza, le criticità maggiori si riscontrano a seguito  di precipitazioni eccessive e ravvicinate in aree situate ai piedi delle zone collinari.

Quando accade,  l’acqua di scorrimento che spesso proviene da terreni agricoli,  campi, parchi e grandi giardini privati,   si riversa giù a valle ingrossandosi e provocando il rigurgito delle fognature pubbliche e causando allagamenti di strade, abitazioni  con criticità che investono le attività antropiche nel loro complesso.  Come nel caso di Arcore, ma anche di altre aree con caratteristiche  orografiche analoghe.

Da qui l’esigenza, di creare un coordinamento stabile tra attori istituzionali  coinvolgendo il territorio limitrofo e sovrastante della Provincia di Lecco se è vero che l’acqua e il suo corso non conoscono confini amministrativi.

Dichiara Enrico Boerci, Presidente e Ad di BrianzAcque: “ La costituzione della task force rappresenta una prima risposta strategica per  lo studio e l’individuazione di misure  condivise  atte al contrasto di problematiche non rinviabili nel tempo, che tanto condizionano la vita delle persone e che è  impensabile lasciare alla sola  gestione e  al solo controllo  delle utility dell’idrico. Oggi, abbiamo voluto dar vita a un gruppo di lavoro permanente che funga da squadra di crisi  per arrivare a prevenire e a risolvere una volta per tutte le conseguenze di questi eventi climatici così impattanti sulle nostre realtà”.

Si è trattato di un incontro partecipato,  proficuo e pragmatico. Un momento di confronto sistematico che ha già prodotto una prima programmazione sul da farsi. Fondamentale sarà la mappatura delle nuove  situazioni di criticità delle acque di scorrimento da parte di ciascun comune, chiamato ad inviare segnalazioni e contributi a BrianzAcque,  che fungerà da collettore di tutte le informazioni.

Contestualmente e raccogliendo le sollecitazioni delle Amministrazioni Municipali, la monoutility dell’idrico brianzolo, implementerà gli interventi di manutenzione e pulizia anche di quelle caditoie che, alla luce delle più recenti precipitazioni meteorologiche,  hanno manifestato maggiori problematiche. Come pure, proseguirà  gli interventi infrastrutturali già in corso per il contenimento delle acque, a cominciare dalla vasca volano di Bernate, cofinanziata da Regione Lombardia e il cui stato di avanzamento è attualmente pari al 60%.

Durante la riunione, Diego Terruzzi, dell’Unità Organizzativa Difesa del Suolo di Regione Lombardia, ha richiamato l’attenzione sull’importanza di provvedere al censimento del reticolo idrico minore, spesso tra le concause degli allagamenti. Un tema molto sentito dal Presidente di BrianzAcque Boerci, da tempo disponibile a farsi carico della manutenzione di quell’insieme di piccoli corsi d’acqua, rogge e canali, spesso tombinati che, se trascurati, trascinano a valle ulteriori e dannose masse d’acqua.

Il tavolo è stato coordinato dall’ing. Massimiliano Ferazzini, direttore settore progettazione e pianificazione di BrianzAcque, il quale ha sottolineato l’esigenza di una  più stretta collaborazione tra squadre del gestore idrico e della Protezione Civile per affrontare con maggior efficacia e incisività le fasi di allerta meteo e di probabile rischio allagamento: “Dobbiamo unire le forze e agire insieme  per organizzarci al meglio e per proteggere il territorio nel suo complesso, con un approccio sovracomunale e non di singole municipalità”. Una visione d’insieme  rispetto alle aree di intervento sposata da tutti i partecipanti, prima fra tutti Rosalba Colombo, Sindaco di Arcore, il comune più colpito da fenomeni alluvionali, che vanno  ripetendosi da decenni.

Il prossimo appuntamento della task force  è stato fissato per settembre con all’ordine del giorno la discussione delle segnalazioni e dei materiali raccolti in questo primo step di analisi preliminare delle criticità mantenendo lo stesso approccio di carattere prettamente operativo.

Tra gli intervenuti  al tavolo di lavoro che si è svolto in modalità “digitale”:  Vincenzo Lombardo,  direttore generale Lario Reti  Holding; Roberto Gnecchi, direttore divisione conduzione Lario Reti Holding;  Flaviano Regondi e Mario Recalcati Provincia di Monza e Brianza, Fabio Valsecchi e Bruno Ratti  Provincia di Lecco; Roberto Borin, vice presidente ATO Monza e Brianza, Erica Pantano Direttore ATO Monza e Brianza, Davide Zaffaroni funzionario ATO Monza e Brianza; Daniele Giuffrè Parco Valle Lambro; Rosalba Colombo, sindaco di Arcore e Fausto Perego assessore ai lavori pubblici comune di Arcore;  Marco Beretta, sindaco di Correzzana, Roberto Antonioli, sindaco di Lesmo;  Lisa Mandelli, sindaco di Usmate Velate, Damiano Prina, vice sindaco di Camparada, Egidio Passoni Assessore ai lavori pubblici comune di Carnate;Antonio Colombo Responsabile Area Territorio e Ambiente comune di Usmate Velate, Matteo Vergani  Responsabile Settore Gestione del Territorio Prime Terre di Brianza; Roberto Parolini Responsabile Ufficio Lavori Pubblici comune di Arcore

Condividi

Join the Conversation