Emerlab Family, 1 e 2 giugno nel Parco di Monza

Manca una settimana a EmerLab Family, il grande «laboratorio di idee» promosso dalla Protezione Civile per conoscere e superare le emergenze. L’appuntamento è per sabato...


282 0
282 0

Manca una settimana a EmerLab Family, il grande «laboratorio di idee» promosso dalla Protezione Civile per conoscere e superare le emergenze. L’appuntamento è per sabato 1 e domenica 2 giugno a Villa Mirabello, all’interno del Parco di Monza.

La cultura della sicurezza, patrimonio di tutti. Il Sindaco Dario Allevi sottolinea come la protezione civile non sia questione esclusiva degli addetti ai lavori, ma è e deve diventare sempre più patrimonio di tutti. A cominciare da una componente fondamentale della nostra società: la scuola. L’obiettivo di questa iniziativa, infatti, è diffondere la cultura di protezione civile soprattutto tra le nuove generazioni.

Verso comunità «resilienti». L’edizione 2019 di «EmerLab Family» prende le mosse dalla campagna «Making Cities Resilient» con cui le Nazioni Unite si pongono l’obiettivo di incrementare la riduzione dei rischi di catastrofi ambientali e l’aumento della «resilienza» delle comunità attraverso la conoscenza e la cultura della sicurezza.

Lo storytelling della sicurezza. «EmerLab Family» è pensato come un vero e proprio «viaggio» all’interno del mondo della protezione civile, scoprendo quanto l’impegno del singolo sia indispensabile al funzionamento dell’intero sistema, spiega l’Assessore alla Sicurezza. Le attività durante la «due giorni», soprattutto quelle per i più piccoli, sono state pensate per renderli consapevoli del ruolo attivo che ognuno può svolgere nella tutela dell’ambiente e del territorio. L’obiettivo è consolidare il rapporto tra i volontari e i cittadini, attraverso il gioco e il racconto delle esperienze di Protezione Civile. Come già successo lo scorso 13 ottobre con la partecipazione al progetto «Io non Rischio» che ha portato i volontari in piazza, a conferma del legame del gruppo monzese di Protezione Civile con le strutture di coordinamento superiori.

Il programma. All’interno della Villa Mirabello sarà allestito un percorso per raccontare le attività che i volontari del Gruppo di Protezione Civile di Monza svolgono. Il racconto si svilupperà attraverso le attrezzature, la proiezione di video, i disegni dei bambini che spiegano gli interventi di formazione dei volontari nelle scuole, l’esposizione dei diorami della Protezione Civile e, in collaborazione con il Parco Valle del Lambro, una mostra fotografica sul Lambro.

Proprio il Lambro e, soprattutto, il rischio idraulico sono il focus di «EmerLab Family 2019». Attraverso fotografie e documenti saranno ricostruite le emergenze che si sono verificate a Monza negli ultimi duecento anni e come sono state gestite. «BrianzAcque» presenterà la propria rete di sensori e il progetto «Brianzastream» per combattere gli scarichi che inquinano i fiumi della Brianza, grazie all’utilizzo dei droni. Sabato 1 giugno, nel pomeriggio, è in programma un incontro di formazione destinato ai professionisti sul tema dell’invarianza idraulica, in collaborazione con gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri di Monza e Brianza.

Quella tra sabato 1 e domenica 2 giugno sarà una notte emozionante e divertente per circa cinquanta bambini. Gli alunni di quinta elementare delle scuole «Masiq», «Anzani» e «De Amicis» dormiranno nelle tende della Protezione civile allestite nel prato di fronte a Villa Mirabello. I bambini, che partecipano al progetto «A scuola con la Protezione Civile» che coinvolge circa 400 alunni anche di terza e quarta elementare delle tre scuole, proveranno cosa significa dormire in una tendopoli del tutto simile a quelle che sono allestite dopo un’emergenza.

Per due giorni saranno allestiti «percorsi–gioco» per bambini (junglepark, spegnimento di finti fuochi, realizzazione di argini provvisionali in terra, conoscenza di mezzi e attrezzature), e dimostrazioni pratiche (area cinofila, area spegnimento incendi, area idrogeologica, area logistica). Nel cortile del Mirabello, invece, la Polizia Locale proporrà «mini corsi» di educazione stradale.

Le dimostrazioni, aperte a tutti, si svolgeranno sabato 1 giugno dalle 14 alle 19 e domenica 2 giugno dalle 10 alle 18. Le attività cinofile saranno sabato 1 giugno dalle 14 alle 17 e domenica 2 giugno dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17. In campo, nella gestione delle attività, numerosi gruppi di volontari: l’«ANA Monza», «Monza Soccorso», la «Croce Rossa» di Monza, «Brianza 3.0», «Salvagente», «ANA Lecco», «The Rescue Dog», «ANC Giussano», «ANC Brugherio», i gruppi comunali di Protezione Civile di Bovisio Masciago, Meda e quelli dell’Associazione di Cesano Maderno

Infine, domenica 2 giugno, dalle 16 alle 18, nel Salone d’onore della Villa Mirabello si svolgerà il convegno «L’Aquila 10 anni dopo sisma», promosso dall’Ordine degli Ingeneri e dall’Ordine degli Architetti di Monza e Brianza. L’evento darà due crediti formativi agli ingegneri e sarà aperto al pubblico.

L’inaugurazione. Sabato 1 giungo alle ore 12 si terrà la cerimonia per il quindicesimo compleanno del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile del Comune di Monza, nato il 14 febbraio 2004 e composto da 110 volontari di cui 23 donne. Sarà anche l’occasione per inaugurare i mezzi e le attrezzature recentemente acquistati con il contributo del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile a seguito degli interventi svolti sotto il coordinamento di ANCI, in occasione del sisma del centro Italia del 2016. «BrianzAcque» distribuirà borracce ai bambini, per sensibilizzarli sul tema dell’acqua come risorsa da tutelare.

Condividi
monza in diretta

Commenti