Usmate Velate imposte, tributi, rinvii e sospensioni

Scadenze di tributi e di altri adempimenti posticipati di alcuni mesi, ulteriori agevolazioni per le categorie più colpite dalla crisi. Sono queste alcune delle misure economiche che l’Amministrazione...

94 0
94 0

Scadenze di tributi e di altri adempimenti posticipati di alcuni mesi, ulteriori agevolazioni per le categorie più colpite dalla crisi. Sono queste alcune delle misure economiche che l’Amministrazione Comunale di Usmate Velate ha deciso di mettere in atto per non gravare – in questo momento di forte criticità – sulle famiglie, sulle imprese e sulle aziende del territorio.

“Siamo ben consapevoli che l’emergenza economica non si esaurirà in poche settimane- afferma Lisa Mandelli, sindaco di Usmate Velate – di conseguenza, abbiamo ritenuto innanzitutto fondamentale rinviare il pagamento di alcune imposte e tributi. Le misure decise dalla Giunta sono solo alcune di quelle che andremo a mettere in atto nei prossimi mesi. Sappiamo bene che, soprattutto le imprese ed i nuclei familiari più fragili, hanno bisogno di sostegno: stiamo formulando varie ipotesi per attuare ulteriori provvedimenti straordinari che vadano nella direzione di aiutare concretamente tutte le persone ritrovatesi in difficoltà”.

“La capacità di intervento di un Comune va correlata con le sue possibilità finanziarie, ben diverse rispetto a quelle di un ente di maggiori dimensioni – spiega Marcello Ripamonti, assessore con delega alle Risorse Finanziarie – Nonostante questo, abbiamo voluto dare un segnale concreto e tempestivo ai nostri cittadini e ai nostri operatori economici. Un messaggio forte al quale stiamo ulteriormente lavorando per affiancare misure aggiuntive”.

TARI
La prima rata della TARI è rinviata dal 16 giugno al 30 settembre; l’intenzione dell’Amministrazione Comunale è di confermare le tariffe vigenti dello scorso anno, ma sul punto occorre attendere che la legislazione nazionale si esprima sui criteri da adottare.
Il Comune di Usmate Velate ha però già stabilito di prevedere esenzione dalla TARI nei soli mesi di chiusura causa Coronavirus per le attività che non hanno potuto svolgere alcun processo di vendita durante il lockdown. L’agevolazione riguarderà esclusivamente le attività in regola con il pagamento dei tributi degli anni precedenti.
“La Tari è il tributo che impatta su tutti i contribuenti, che siano cittadini o imprese – afferma Marcello Ripamonti, assessore con delega alle Risorse Finanziarie – lo slittamento ci permette di fornire un piccolo segnale di aiuto concreto verso tutti i nostri contribuenti. L’esenzione invece rappresenta un aiuto ulteriore per i contribuenti che in questo periodo di emergenza hanno dovuto per forza tenere abbassata la serranda”.

TOSAP E COSAP
Il Comune di Usmate Velate recepisce la normativa nazionale che prevede esonero dal 1° maggio 2020 fino al 31 ottobre 2020 dal pagamento del Canone per l’occupazione degli spazi pubblici (C.o.s.a.p.) le imprese di pubblico esercizio (ristoranti, bar, pizzerie, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari) già titolari di concessioni o di autorizzazioni. In aggiunta, l’Amministrazione Comunale ha previsto la non applicazione del COSAP agli ambulanti dei mercati settimanali per i giorni di mancata occupazione durante l’emergenza sanitaria degli spazi loro assegnati.

IMU
Come previsto dalla normativa nazionale, che non è stata modificata dai recenti decreti, il pagamento dell’IMU mantiene le naturali scadenze previste dalla legge, e cioè entro il 16 giugno e il 16 dicembre). L’Aliquota base, approvata dal Consiglio Comunale, è invariata rispetto al 2019. Sono altresì confermate tutte le agevolazioni per i contratti di comodato. Per le imprese, si ricorda che l’Imu è in parte deducibile in sede di dichiarazione dei redditi.
Tutte le informazioni e le modalità per il pagamento sono inserite in una informativa che a partire dalle prossime ore sarà resa disponibile sul sito internet del Comune.
“L’IMU rappresenta la maggior fonte di entrata per le casse comunali, pari a circa il 30 del complessivo – prosegue l’assessore Ripamonti – gli introiti permettono l’efficiente e tempestivo funzionamento di molti servizi essenziali effettuati dal Comune. Poiché per alcune tipologie di immobili parte del gettito viene introitato dallo Stato, abbiamo ritenuto più coerente e ordinato mantenere le stesse scadenze”.

ULTERIORI PROVVEDIMENTI
Il Comune ha previsto il differimento al 1° settembre 2020 della notifica degli avvisi di accertamento esecutivi e relative richieste di pagamento relativi ai tributi comunali.

Inoltre è prevista la possibilità di sospensione, su richiesta dell’interessato e fino al 30 settembre 2020, dei piani di rateizzazione già approvati per il pagamento dei tributi ed altre entrate relativi agli anni antecedenti al 2020. In tale caso le rate sospese saranno aggiunte in coda al piano di rateizzazione concordato, senza maggiorazioni.
Sono inoltre in corso di valutazione ulteriori interventi economico-finanziari a sostegno di cittadini e imprese.

Condividi

Join the Conversation