Un fantasma ruba opere d’arte: beccato dai Carabinieri

Si copriva con un lenzuolo, come un fantasma, per rubare opere d'arte dalle sedi delle case di riposo. Un'attività redditizia ma illegale e che per...


129 0
129 0

Si copriva con un lenzuolo, come un fantasma, per rubare opere d’arte dalle sedi delle case di riposo. Un’attività redditizia ma illegale e che per fortuna è stata bloccata dall’Arma dei Carabinieri,

La stazione Carabinieri di Pavia, a conclusione di attività investigativa denominata “Operazione Ghostbusters”, ha deferito in stato di libertà, T.R., pavese di 50 anni e Z.M., lomellino di 67 anni, ritenuti responsabili dei reati di furto aggravato, ricettazione e detenzione illegale di armi.

T.R., tra i mesi di Luglio ed Ottobre 2018, approfittando della propria mansione di addetto della cooperativa preposta allo svolgimento di mansioni logistiche presso un’azienda di Servizi alla persona di Pavia, in più occasioni, coprendosi con un lenzuolo, come un fantasma, si era impossessato, dalle sedi delle residenze sanitarie per anziani, situate a Pavia, dipinti e documentazione storica risalente a partire dal secolo XVI circa, risultati, a seguito degli accertamenti, ceduti successivamente a Z.M., appassionato di antiquariato, che a sua volta rivendeva gli oggetti online presso vari mercatini.

A seguito di perquisizione, sono stati rinvenuti e sequestrati, presso l’abitazione di Z.M.: ¾ n. 1 olio su tela, di forma ovale, risalente al XVIII secolo, avente dimensioni cm 100×72, raffigurante una scena religiosa denominata “Miracolo di San Francesco Saverio”; ¾ n. 1 olio su tela di forma ovale, risalente al xviii secolo, avente dimensioni cm 100×72 e raffigurante “L’Adorazione dei Magi”; ¾ circa 40 faldoni contenenti documentazione storica relativa al periodo tra il xviii ed il xx secolo; ¾ n. 1 carabina ad aria compressa, priva di matricola, e n. 1 baionetta, illegalmente detenute. Il materiale rinvenuto, sarà restituito al legittimo proprietario.

Commenti