Lissone, dal primo marzo lo sportello diventa Centro antiviolenza

LISSONE – A partire dal primo marzo lo sportello antiviolenza attivo a Lissone diventerà a tutti gli effetti un Centro antiviolenza. Saranno così aumentate le ore di apertura con...

520 0
520 0

LISSONE – A partire dal primo marzo lo sportello antiviolenza attivo a Lissone diventerà a tutti gli effetti un Centro antiviolenza. Saranno così aumentate le ore di apertura con i consueti servizi offerti, che consentiranno alle donne vittima di violenza di usufruire di un supporto a 360 gradi.

Questo risultato è stato ottenuto grazie al lavoro e all’impegno profusi dall’Ambito Territoriale di Carate Brianza e dai tredici comuni facenti parte dell’Ambito. Il progetto rappresenta un importante passo avanti nella lotta contro la violenza in primis sulle donne. Il centro antiviolenza offrirà una copertura più ampia in termini di giorni e orari, passando da 9 a 15 ore di apertura settimanale.

Oltre alle attuali aperture del lunedì pomeriggio, mercoledì e venerdì mattina, il servizio sarà attivo anche il martedì e giovedì pomeriggio.

Il personale specializzato del Centro, gestito dall’Associazione Mittatron, offre accoglienza oltre che supporto legale e psicologico, al fine di fornire un aiuto completo e mirato alle persone in difficoltà. Il Centro rientra nella più vasta attività della Rete Artemide, che sul territorio della Provincia di Monza e Brianza si occupa dal 2009 del sostegno per le donne che subiscono violenza di genere, grazie a contributi nazionali, regionali e con il co-finanziamento dei Comuni.

“Siamo molto orgogliosi di questo risultato che andrà a beneficio non solo di Lissone, ma di tutti i 13 comuni facenti parte dell’Ambito Territoriale di Carate Brianza. Il centro antiviolenza – dichiara il sindaco Laura Borella – rappresenta un importante passo avanti nella tutela dei diritti delle donne e nella lotta contro la violenza di genere. Potenziare il sostegno e la protezione delle persone vittime di violenza, offrendo loro risorse adeguate e un ambiente sicuro in cui chiedere aiuto, è da sempre stato uno degli obiettivi di questa Amministrazione, che si è sempre battuta per riuscire a trasformare lo sportello antiviolenza presente sul territorio in un centro antiviolenza vero e proprio. Lissone e i Comuni limitrofi, considerando le crescenti richieste di aiuto da parte delle donne maltrattate, non potevano più rinunciare a un centro antiviolenza come valido supporto per tutte le persone in difficoltà. Desidero ringraziare la presidente dell’Ambito Patrizia Lissoni per aver subito accolto e portato avanti con noi questo progetto, e tutti i comuni dell’Ambito per la condivisione di intenti al fine di creare un centro che sarà presto realtà attiva sul territorio”.

“Come Ambito siamo pienamente soddisfatti per questo importante obiettivo raggiunto – spiega Patrizia Lissoni, presidente dell’Ambito Territoriale di Carate Brianza e Assessore ai Servizi sociali del Comune di Vedano al Lambro -. Avere un centro antiviolenza è fondamentale per dare un servizio mirato ai cittadini, considerato anche il numero emergente e sempre più crescente di richieste di aiuto. In questo Centro, a disposizione di tutti i nostri tredici comuni facenti parte dell’Ambito, saranno disponibili figure altamente qualificate in diversi settori per poter offrire una consulenza a tutto campo in aiuto delle persone vittime di violenza”.

Nelle prossime settimane, grazie ai contributi di OCV Italia Gruppo Owens Corning e di Fondazione Intesa San Paolo – Ente Filantropico, saranno apportate migliorie agli arredi dei locali del Centro antiviolenza, con sede in via Como angolo via Matteotti, al fine di renderli più accoglienti e supportare così i servizi resi dal Centro. A breve verrà programmata l’inaugurazione ufficiale alla presenza della cittadinanza.

Condividi

Join the Conversation